IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo carcere a Cairo, Lambertini chiarisce: “L’ospedale non è una condizione necessaria”

A chiederlo sono molti cittadini, nella speranza che la struttura penitenziaria possa risolvere la questione del "San Giuseppe"

Cairo Montenotte. Il nuovo carcere si farà in Val Bormida, lo ha annunciato l’on. Franco Vazio (Pd), due i comuni candidati: Cairo Montenotte e Cengio. Per la realizzazione della struttura penitenziaria occorre, infatti, un’area di almeno 50.000 mq, motivo per il quale Savona è stata esclusa.  A Cairo la zona proposta, che sarà oggetto di sopralluogo a gennaio, è quella del Tecchio che ha dimensioni doppie rispetto a quelle previste (ben 100.000 mq).

Esclusa, dunque, l’ipotesi della scuola di Polizia Penitenziaria, che comunque rimane un punto a favore per la candidatura della città. Ma su Facebook la domanda dei cittadini, per la maggior parte favorevoli alla realizzazione del nuovo carcere a Cairo, è una sola: “Avere un ospedale e soprattutto un pronto soccorso attivo è una condizione necessaria affinché venga costruito il carcere?”. A rispondere è il sindaco Paolo Lambertini che chiarisce: “Non è una conditio sine qua non, altrimenti Cengio non sarebbe stata presa in considerazione. Ovvio, più servizi ci sono più la zona diventa appetibile. In ogni caso l’ospedale è un argomento a sé, di grande importanza per la Val Bormida, e non deve prescindere dal nuovo carcere”.

E sull’impatto che la struttura penitenziaria potrebbe avere sul territorio, il primo cittadino spiega: “Sono stato sempre favorevole alla sua realizzazione, sia che venga costruito a Cairo che a Cengio.  In entrambi i casi – conclude – sarebbe un’importante risorsa per tutta la Valle. Essendo poi Cairo la città più grande e quindi con più servizi, sicuramente porterebbe lavoro alla città indipendentemente dal comune che verrà scelto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.