IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Luminosa Bogliolo chiude in trionfo: è lei l’Atleta dell’anno 2020 tra le donne foto

L'ostacolista azzurra delle Fiamme Oro premiata per la costanza della sua stagione: ad agosto è andata a 3 centesimi dal record italiano

Alassio. E’ Luminosa Bogliolo l’atleta dell’anno 2020 per la categoria Donne. L’annuncio è stato dato ieri dalla pagina ufficiale della Federazione Italiana di Atletica Leggera. L’ostacolista azzurra delle Fiamme Oro è stata premiata per la costanza della sua stagione, densa di successi e di record.

Nella classifica finale dell’iniziativa della Fidal, Luminosa ha preceduto le marciatrici Antonella Palmisano (Fiamme Gialle), miglior prestazione italiana nella 10 km (41’28”) e vincitrice del match internazionale di Podebrady nella 20 km, ed Eleonora Giorgi (Fiamme Azzurre) che ha stabilito la migliore prestazione mondiale della 35 km (2h43’43”).

Luminosa Bogliolo, 25 anni, è ormai da tempo tra le stelle più brillanti dell’atletica ligure. Nata agonisticamente nel CUS Genova (che collabora con il CUS Savona nell’organizzazione della manifestazione savonese), è originaria di Alassio e studentessa in Veterinaria. La sua parte da lontano (nel tempo) ma anche da vicino (geograficamente): proprio nel meeting di Savona, infatti, iniziò la propria ascesa nella stagione 2018 con un crono da 12”99 che la rivelò al grande pubblico. L’ostacolista allenata da Ezio Madonia e Antonio Dotti avrebbe poi vissuto un 2019 strepitoso, con la medaglia d’oro all’Universiade di Napoli, la vittoria all’Europeo per nazioni, la semifinale raggiunta ai Mondiali di Doha (Qatar) e un personale portato a 12”78, vicinissimo al primato italiano di Veronica Borsi (12”76).

E il 2020 è stato se possibile ancora migliore. All’esordio stagionale a Rieti, alla Fastweb Cup, sabato 4 luglio, nella prima delle due gare di giornata dei 100 ostacoli si è espressa in 12″93, con un filo di vento contrario (-0.2). Praticamente in fotocopia la seconda gara, quasi due ore dopo: un altro 12″93 per Bogliolo, stavolta con un vento leggermente favorevole (+0.2). “Come inizio va benissimo – dichiarava l’azzurra – e sono contenta per il tempo, ma non per come ho corso. Nella batteria ho voluto un po’ strafare, poi in finale ho provato a correre in scioltezza ed è venuto lo stesso risultato che mi fa proprio ben sperare”.

Una speranza che si è rivelata più che fondata. Una settimana dopo, al Trofeo Città di Rieti, in un pomeriggio decisamente caldo con 32 gradi, l’alassina ha migliorato per due volte il primato personale nei 100 metri piani, abbattendo il 12″02 realizzato nel 2019. L’atleta delle Fiamme Oro ha ottenuto prima 11″80 in batteria e poi, in finale, ha fermato il cronometro a 11″74 classificandosi seconda.

Da lì l’ascesa è stata inarrestabile. Vittoria nei 100 metri ostacoli al Meeting Città di Savona il 16 luglio con 12″86, nuovo primato stagionale il 1 agosto al Triveneto Meeting, addirittura un secondo posto con 12″79 l’11 agosto in Finlandia al Meeting di Turku: un tempo, quest’ultimo, a un solo centesimo dal primato personale assoluto di Chaux de Fonds (2019) e a tre dal record italiano, fatto registrare nel 2013 da Veronica Borsi.

Il 23 agosto vince in Svezia nella prova inaugurale della Diamond League: prima azzurra a riuscirci, si impone col tempo di 12″88. Ai Campionati Italiani Assoluti il 29 agosto primeggia in batteria e poi vince il titolo italiano per la terza volta di fila. A settembre domina con un 12″90 a Rovereto, in Trentino, nella 56ª edizione del Palio Città della Quercia; arriva seconda al Galà dei Castelli di Bellinzona, in Svizzera, andando di nuovo vicinissima al nuovo record italiano; identico risultato a Roma al 40° Golden Gala Pietro Mennea.

Luminosa Bogliolo Muretto Alassio

Una serie di prestazioni “monstre” che le è valsa, come detto, il titolo di Atleta dell’Anno 2020 per la Fidal. Un premio prestigioso preceduto in questi mesi da altri due riconoscimenti a livello locale: il titolo di Sportivo Savonese dell’anno 2019 e l’orgoglio di poter firmare sul celebre Muretto di Alassio (nella foto qui sopra). “Ma che onore, ma che meraviglia – il suo commento a caldo – questa è davvero una sorpresa immensa. Ora però tocca andare ancora più veloce”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.