IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Isola Gallinara: respinto il ricorso dei due proprietari contro il Ministero

Il Dicastero dei beni culturali incassa il secondo round

Albenga. Il Ministero dei Beni culturali tira dritto verso l’acquisizione della villa padronale sita sull’Isola Gallinara.

Dopo essere riuscito a stoppare la vendita dell’intera Isola Gallinara al magnate ucraino Olexandr Boguslayev, ora incassa un nuovo risultato, visto che il Tar, riunito il 16 dicembre ha respinto i ricorsi di due dei proprietari, Patrizia e Daniele Urano, rappresentati dagli avvocati Bernardini, Imarisio, Giani, che si erano appellati al tribunale amministrativo per scongiurare la vendita al Miur.

I legali dei ricorrenti sostenevano che il decreto di prelazione parziale, riferito alla sola villa padronale fosse viziato e che invece la prelazione avrebbe dovuto riguardare il bene culturale unitario, cioè l’intera isola Gallinara. Non solo, lamentavano il danno importante che avrebbero subito da questa vendita al Ministero poiché “la prelazione deprime il valore economico del bene rimasto, l’appartamento e tutti gli altri beni della società La Gallinaria”.

Sempre nelle motivazioni del ricorso i ricorrenti lamentavano di essere costretti a sopportare i costi della manutenzione, con il rischio di fallimento in quanto “alcuni soci non avendo più proprietà individuali potrebbero smettere di sostenere finanziariamente ed economicamente la società”.

Non sono stati di questo avviso ii giudici del tribunale amministrativo che hanno affermato nelle motivazioni della sentenza come non sussista la prova del danno grave e irreparabile che deriverebbe dal passaggio al Ministero di parte dei beni della Gallinara. Respinta quindi la richiesta di annullare la vendita al ministero della villa padronale della Gallinara il Tar ha fissato un’ altra udienza per la data del 26 maggio 2021 per entrare nel merito della causa e assumere la decisione finale. Un capitolo dunque che resta aperto e una vicenda che riserva sempre colpi di scena.

Questo il commento del sindaco di Albenga Riccardo Tomatis: “Ribadisco l’importanza del risultato raggiunto e la conferma che il governo si è mosso in modo corretto e puntuale e che ora è importante iniziare una collaborazione con tutte le realtà pubbliche e private che hanno a cuore il futuro della nostra amata isola al fine di valorizzare al massimo questo bene di grande valore storico e naturalistico – ha precisato il primo cittadino ingauno -. Sottolineo ancora una volta che per la nostra città è un momento epocale che può cambiare il destino della Gallinara rendendola, con le dovute precauzioni, un riferimento per gli albenganesi e un grande richiamo per i turisti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.