IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“International film festival Rivoli”, il corto del pietrese Dario Rigliaco arriva in semifinale foto

Al concorso erano quattro mila i candidati, provenienti da più di 50 paesi

Pietra Ligure. Arriva in semifinale all’International film festival Rivoli il cortometraggio “Rosso Sangue” di D&E Animation, scritto e sceneggiato da Dario Rigliaco, con la regia di Marino Carmelo. Un grande risultato per l’autore pietrese, ben quattro mila i candidati provenienti da più di 50 paesi.

Il film, ambientato a marzo durate la pandemia, è la trasposizione della favola di Cappuccetto Rosso di Perrault, trasformata dalla penna dell’autore pietrese in un thriller alla “pulp fiction”.

Il lupo, interpretato da Davide Arrighini con la voce di Luca Cevasco, è un criminale con un conto in sospeso con il papà di Cappuccetto Rosso e “userà” la bambina per introdursi in casa della nonna. Cappuccetto rosso, interpretata da Viviana Catta, è una diciottenne ribelle e ignara del coinvolgimento della nonna negli affari criminali del padre. Si ritroverà a fare i conti con il lupo che, senza esclusione di colpi, tramuterà l’incontro in un vero e proprio incubo.

In via eccezionale, il film semifinalista al festival, “Rosso Sangue”, sarà visualizzabile gratuitamente su Youtube per alcuni giorni.

Nell’edizione da record del festival torinese un altro progetto ligure arriva alle selezioni finali, si stratta  di “Butterflies” di Marco Piras. Il corto con Antonella Oggiano ha ottenuto la nomination a miglior regia con il cortometraggio dedicato a chi cerca, ancora oggi, la verità su una tragedia nota a tutti, quella del Ponte Morandi. È stato prodotto da ChezThèsse ed è visualizzabile attraverso il profilo facebook di Marco Piras.

“In un momento di grande difficoltà per il cinema e l’arte in generale, c’è ancora qualcuno che riesce a produrre idee e progetti indipendenti e tutto ciò è da valorizzare, perché le difficoltà, sono enormi – commenta Dario Rigliaco – La pandemia di covid-19 ha ‘spezzato’ un equilibrio che permetteva ad artisti e associazioni di esprimersi in libertà, rendendo difficile se non impossibile i passaggi più scontati per confezionare un’idea”.

“Oggi, in Liguria, abbiamo il privilegio di avere persone coraggiose, che nonostante tutto, non gettano la spugna, perseverando e lavorando con dedizione in attesa della tanto attesa normalità. Un riconoscimento in questo momento così incerto, ha un valore molto importante. Ogni progetto portato a termine è una sfida vinta, perché l’arte in tutti i suoi aspetti, alla fine di tutto, trionferà contro il virus, come in un film in cui il bene, alla fine, sconfiggerà il male per un lieto fine tanto atteso” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.