IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fabbriche Aperte 2020, premiati i vincitori della tredicesima edizione

Anche quest'anno il progetto ha portato circa 250 studenti a visitare e raccontare le aziende del territorio savonese

Provincia. Mercoledì 16 dicembre si è celebrata in streaming la cerimonie di premiazione della tredicesima edizione di “Fabbriche Aperte”, il progetto che quest’anno ha portato circa 250 studenti a visitare e raccontare le aziende del territorio savonese.

La pandemia Covid che ha colpito l’Italia e tutto il mondo e che ha costretto a ridurre il tradizionale ciclo di visite sul territorio savonese che avrebbero dovuto coinvolgere più di 1.000 studenti, ha acceso però un riflettore su tutte le aziende partecipanti a “Fabbriche Aperte” che hanno continuato a lavorare adeguandosi a standard di sicurezza e nuove modalità organizzative.

La cerimonia si è aperta con i saluti dai rappresentanti dei partner del progetto: Enrico Bertossi, presidente dell’Unione Industriali Savona; Ilaria Cavo, assessore alla formazione di Regione Liguria; Alessandro Clavarino, Dirigente dell’ufficio scolastico provinciale di Savona; Luciano Pasquale, già presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguri; Paolo Canavese, direttore dell’ufficio territoriale di Savona dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale.

E’ stato un momento di condivisione finale del lavoro svolto con la premiazione dei vincitori del gioco “ Alla conquista di una menta scientifica” e con la proiezione del TG “Fabbriche Aperte”: quest’ultimo sempre molto apprezzato dagli studenti che hanno raccontato come veri e propri reporter le visite fatte nelle aziende con immagini, interviste e fotografie.

“Fabbriche Aperte”, progetto voluto dall’ Unione Industriali di Savona, è stato realizzato grazie al sostegno della Camera di Commercio Riviere di Liguria di Imperia, La Spezia e Savona, con il contributo dell’Autorità Portuale del Mar Ligure Occidentale, e grazie al supporto della Regione Liguria, nell’ambito del progetto di orientamento “#Progettiamocilfuturo – fase 2” e della specifica azione “Ragazzi in Azienda” finanziata dal FSE e realizzata da Alisep, Agenzia ligure per gli studenti e l’orientamento.

Ideata da “Noisiamofuturo”, nel format originale di gioco più TG realizzato dagli studenti, l’iniziativa si è avvalsa anche del supporto operativo dell’Associazione Giovani per la Scienza e del Consolato Provinciale di Savona della Federazione dei Maestri del Lavoro d’Italia.

Anche se si tratta di un campione ridotto rispetto alle passate edizioni (circa 250 studenti) i ragazzi, hanno ribadito la tendenza emersa negli ultimi anni che vede crescere le scelte di percorsi scolastici ad indirizzo tecnico scientifico. Un dato significativo se si considera che la somministrazione del questionario è avvenuta in epoca pre Covid, cioè prima che la pandemia evidenziasse l’urgenza di professionalità mediche, tecniche, scientifiche, digitali.

Le risposte dei ragazzi dicono che il 62% degli studenti di seconda media ha già scelto la scuola superiore da frequentare e fra loro il 60% ha scelto una scuola ad indirizzo tecnico scientifico. Confermato anche l’interesse delle ragazze verso questi percorsi con circa il 40% che dichiara di voler proseguire gli studi orientandosi verso professioni scientifiche.

C’è già chiarezza sul tipo di lavoro che i ragazzi vorranno fare da grandi: il 66% ha un’idea abbastanza chiara, mentre tutti gli altri non lo immaginano, anche se la maggior parte di loro dichiara di voler svolgere una professione che innanzitutto piaccia prima di pensare alla retribuzione. In questo senso è netta la percentuale delle ragazze che privilegiano la soddisfazione personale con circa il 75% (contro il 25% dei maschi).

Anche in merito alle scelte lavorative le ragazze sono più determinate e puntano a lavori ad alta professionalità e specialistici. Medici, cuochi, fisioterapisti, vigili del fuoco, notai, restano tra le preferenze dei ragazzi, ma in crescita anche ingegneri, meccanici, programmatori informatici, tecnici di laboratorio, biologi: le professioni tecniche e professionali conquistano complessivamente oltre il 58% di preferenze fra maschi e femmine.

Tutti concordi (l’80% dei partecipanti) nel ritenere molto interessante la visita alle aziende, soprattutto per le tecnologie applicate. In enorme crescita anche la consapevolezza che le industrie savonesi siano un cardine dell’economia del territorio, così come dichiarato dal 97% degli intervistati.

Moltissimi studenti durante le visite maturano la consapevolezza che attraverso scienza e nuove tecnologie si incrementi la difesa dell’ambiente che per l’87% dei ragazzi intervistati è una priorità.

La formula ha portato quest’anno oltre 1100 ragazzi, 48 classi di 16 istituti comprensivi del savonese, a preparare la visita presso 24 aziende del territorio parte dei quali, oltre 250, hanno portato a termine il progetto, prima dell’emergenza Covid-19, scoprendo produzioni ed eccellenze di ricerca, abbinando l’acquisizione di conoscenza ed informazioni a gioco e competizione.

Sono 16 gli istituti comprensivi del territorio partecipanti: Albenga I, Albisole, Cairo Montenotte, Carcare, Finale Ligure, Loano, Millesimo, Quiliano, Savona I, Savona II, Savona III, Savona IV, Spotorno, Vado Ligure, Val Varatella e Varazze-Celle. Sono 7 le aziende visitate fino a febbraio, delle 24 coinvolte nel progetto: Autorità di Sistema del Mar Ligure Occidentale, Cabur S.r.l., Matrunita Mediterranea S.r.l., Noberasco S.p.A., TPL Linea S.r.l., Trench Italia S.r.l., Trenitalia S.p.A. Le Aziende, coinvolte nel progetto, che non hanno potuto ospitare i ragazzi a causa dell’emergenza Covid-19, sono: A.D.R – Aziende Dolciarie Riunite S.p.A., APM Terminals S.p.A., Bitron S.p.A., Bombardier Transportation Italy S.p.A., Continental Brakes Italy S.r.l., ESI S.p.A., Esso Italiana S.r.l., ICOSE S.p.A., Infineum S.r.l., La Filippa S.r.l., Loano Due Village, Piaggio Aero Idustries S.p.A., Reefer Terminal S.p.A., Schneider Electric S.p.A., Tirreno Power S.p.A., Verallia Italia S.p.A., Vetreria Etrusca S.p.A.

Come ogni anno nel corso della cerimonia sono stati premiati gli studenti vincitori, uno per classe, del gioco a tappe, “Alla conquista di una mente scientifica”, articolato in due fasi di gioco quiz sulle aziende di “Fabbriche Aperte” in abbinamento ad un articolo giornalistico sulla visita effettuata.

Ecco i vincitori premiati: Giorgia Fiorito della 2A dell’istituto comprensivo di Millesimo; Francesca Saettone della 2CS dell’istituto comprensivo di Albisola Superiore; Giulia Gambetta della 2B e Lizi Diano della 2C dell’istituto comprensivo di Spotorno; Tommaso Barberis della 2A dell’istituto comprensivo di Millesimo-Calizzano; Pietro Lacchini della 2BM dell’istituto comprensivo di Albissola Marina; Michela Gazzano della 2A dell’istituto comprensivo di Millesimo Cengio; Gabriele Quattropani della 2D e Xhesika Lemezhi della 2E dell’istituto comprensivo di Albenga 1; Rebecca Colombardo della 2C e Alessia Brusoni della 2B dell’istituto comprensivo di Carcare; Leonardo Tarditi della 2A dell’istituto comprensivo di Quiliano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.