IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ecco il progetto Waves: la cooperazione transfrontaliera al servizio delle imprese della blue economy

Fondi europei per promuovere la competitività delle imprese del territorio

Più informazioni su

Liguria. E’ stato presentato ufficialmente mercoledì 16 dicembre in modalità online Wavers, il progetto europeo nasce per offrire servizi specialistici di consulenza alle imprese della blue economy. Un finanziamento di oltre mezzo milione di euro di cui 300mila verranno messi a disposizione diretta delle imprese del territorio.

Alla conferenza sono intervenuti Renato Murgia, presidente del Flag Sardegna Orientale, ente capofila del progetto); Sara Melis, Communication Manager del Flag Sardegna Orientale;Nicoletta Piras direttrice del Flag Sardegna Sud Occidentale; Gianmario Garrucciu, responsabile della comunicazione del Flag Nord Sardegna; Amandine Leroy Project Manager del Flag Estérel Côte d’Azur-Association Pêche et Activités Maritimes (Apam) e Ilario Agata, direttore dell’Azienda Speciale della Camera di Commercio Riviere di Liguria.

Waves (acronimo di “Working on Added Value of Expert Services”) è un progetto finanziato dal Programma Europeo Interreg Italia Francia Marittimo 2014/2020 (è un Programma transfrontaliero cofinanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (Fesr) nell’ambito della Cooperazione Territoriale Europea (Cte) che mira a rafforzare la cooperazione transfrontaliera tra le regioni partecipanti, cioè Toscana, Liguria, Sardegna, Corsica e Provenza-Alpi-Costa Azzurra) e si pone come obiettivo quello di favorire e promuovere la competitività delle imprese di Sardegna, Liguria e Sud della Francia.

Come lo fa? Attraverso la costituzione di un catalogo di servizi e di un bando per accedere a dei contributi. Le imprese della pesca, della nautica e del turismo sostenibile potranno scegliere se usufruire ad esempio di un consulente di marketing, di esperti di internazionalizzazione o di un temporary manager. Questi alcuni esempi dei servizi che potrebbero essere inclusi nel catalogo che verrà definito in maniera partecipativa, attraverso degli incontri con operatori economici, cooperative e associazioni di categoria. Grazie alla attività di coinvolgimento (che si terranno nei prossimi mesi in ciascun territorio) sarà possibile individuare i servizi più adatti ed effettivamente necessari per le imprese e i territori.

Le imprese beneficiarie, dopo aver partecipato a un bando di selezione (che si prevede potrà essere pubblicato nei primi mesi del 2021), potranno accedere al contributo (che coprirà in parte o totalmente il costo del servizio) per usufruire dei servizi di consulenza inclusi nel catalogo.

Il progetto prevede, inoltre, l’attivazione di due sportelli operativi e di supporto: lo Sportello Innovazione e lo Sportello Istruttore. Il primo avrà un ruolo di indirizzo e consulenza preliminare nella scelta dei servizi, mentre il secondo avrà un ruolo importante nella fase di attuazione e di erogazione dei fondi alle imprese.

I partner hanno enfatizzato il ruolo fondamentale del progetto nel mettere in relazione le aziende dell’area transfrontaliera con dei consulenti specializzati e di come questo potrà avere importanti ricadute economiche sui territori.

La cooperazione a livello transfrontaliero permetterà inoltre di beneficiare del trasferimento di informazioni e buone pratiche che saranno utili per capitalizzare l’esperienza anche in altri territori.

Il progetto è realizzato da cinque partner: tre sardi (Flag Sardegna Orientale, Flag Nord Sardegna, Flag Sardegna Sud Occidentale), uno ligure (Azienda Speciale della Camera di Commercio Riviere di Liguria) e uno francese Flag Estérel Côte d’Azur – Association Pêche et Activités Maritimes (APAM)) e ha un obiettivo lungimirante: fare rete tra imprese e tra territori, anche attraverso un catalogo di servizi specialistici di consulenza costruito insieme agli attori che in quei territori operano quotidianamente.

Il progetto Waves in breve vede coinvolte tre regioni europee (Sardegna, Liguria e Regione Sud della Francia) e cinque partner:per la Sardegna il Flag Sardegna Orientale , che è capofila, Flag Nord Sardegna, Flag Sardegna Sud Occidentale; per la Liguria l’Azienda Speciale della Camera di Commercio Riviere di Liguria; per la Francia Flag Estérel Côte d’Azur-Association Pêche et Activités Maritimes. Ha una durata totale di 24 mesi (da maggio 2020 a maggio 2022) e una dotazione finanziaria totale di 516.132 euro di cui circa 300 mila destinati ai contributi per le imprese.

Per informazioni: info@flagsardegnaorientale.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.