IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cashback, ciechi e ipovedenti penalizzati: “Procedimento complesso per ottenere il beneficio”

"Rischia di essere per pochi e non per tutti dato che bisogna avere una buona preparazione informatica per concludere la procedura"

Savona. L’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti di Savona lancia un appello al governo, “affinche’ una delle categorie maggiormente disagiate a causa della pandemia non venga tagliata fuori dai provvedimenti statali”.

Con un ordine del giorno, viene richiesto all’esecutivo un accesso al cashback di Natale che sia possibile ai ciechi, ipovedenti ed anziani in difficoltà.

“Il direttivo UICI di Savona chiede, in relazione al cashback di natale 2020 e lotteria scontrini 2021 proposto dallo stato italiano, quanto segue – si legge nell’ordine del giorno presentato dal consiglio direttivo savonese dell’Uici -. A tutela e difesa dei nostri associati e più in generale alle categorie fragili della nostra società, chiede al governo di rivedere le modalità di accesso al bonus del 10% riferito al cashback; il processo per attingere a tale beneficio, risulta molto complesso e macchinoso per poter essere utilizzato dai soggetti svantaggiati della società civile nel nostro specifico facciamo riferimento alla disabilità visiva, riscontrando problemi di accessibilità per poter usufruire dell’app necessaria allo svolgimento del servizio. Inoltre, un ulteriore problema scaturisce nel dover possedere le credenziali d’identità digitale che devono essere richiesti ad un soggetto abilitato al rilascio”.

“In tempi di pandemia – proseguono – risulta veramente assurdo dover richiedere tali credenziali recandosi in un ufficio postale o da altro gestore con tutti i problemi che ben conosciamo a causa del corona virus. Si fa notare che questo bonus, messo a disposizione, rischia di essere per pochi e non per tutti dato che bisogna avere una buona preparazione informatica per concludere la procedura; quindi, vengono esclusi i soggetti più anziani della nostra popolazione che non padroneggiano i mezzi informatici”.

“Chiediamo al governo di semplificare i termini di utilizzo per snellire la procedura come nel caso di tracciare direttamente le carte di pagamento senza dover utilizzare app specifiche. Si chiede tale revisione permettendo così ad ogni cittadino italiano, nel proprio piccolo, di combattere l’evasione fiscale attingendo al bonus cashback” concludono dal consiglio direttivo Uici Savona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.