Affondo

Campo nomadi a Savona, scontro aperto nella Lega. Arecco: “Atteggiamento inaccettabile”

Parole dure del vice sindaco leghista contro il suo partito

massimo arecco

Savona. Prosegue a Savona la bagarre politica all’interno del centrodestra ed in particolare della Lega, con riferimento alla vicenda della Fontanassa e del campo nomadi. L’ultimo Consiglio comunale ha segnato il solco tra il partito e gli assessori della giunta Caprioglio.

Il vice sindaco della Lega, Massimo Arecco, non ci sta e attacca pesantemente la segreteria cittadina: “La segretaria della sezione savonese del mio partito ha ragione ad invocare chiarezza nell’affrontare ogni problematica, ecco il motivo per cui ritengo utile esprimere la mia personale opinione al riguardo. L’amministrazione comunale ha, tra le varie competenze istituzionali, anche l’obbligo della messa in sicurezza del territorio cittadino, comprese quelle aree che, temporaneamente, sono utilizzate da cittadini residenti. Le motivazioni della spesa deliberata in giunta e delle urgenti ed indifferibili necessità dell’intervento sono state ben spiegate, a più riprese, dal sindaco Caprioglio” afferma.

“Le circostanze che, maggiormente, mi rammaricano e rattristano sono dovute alle modalità scarsamente politiche, diplomatiche, strategiche, istituzionali, utilizzate in questa vicenda, sia da parte della segretaria del mio partito, sia da parte di un consigliere comunale del gruppo Lega. Quest’ultimo si è spinto, nel corso del recente Consiglio comunale del 22 dicembre ultimo scorso, in maniera autonoma e non concordata con il resto del gruppo e degli Assessori, a richiedere le dimissioni del sindaco e della giunta per come, a suo personale giudizio, sarebbe stata gestita la vicenda dell’area della Fontanassa”.

“Altrettanto fuori da ogni ordinaria e consolidata prassi politica, è stato l’attacco pubblico rivolto alla mia persona in qualità di vice sindaco e di conseguenza anche agli altri assessori della Lega per avere dissentito pubblicamente dai toni, dai modi e dai tempi, con cui questa richiesta è stata formulata in Consiglio comunale”.

“I successivi passi che faremo come assessori all’interno del nostro partito, ovviamente, poco interessano l’opinione pubblica ed i savonesi, ma mi preme semplicemente dichiarare la mia lontananza di vedute, di sensibilità, di percorso politico, di strategie, di visione di città e di vita, nei confronti dell’attuale segretaria della Lega” conclude il vice sindaco savonese.

leggi anche
campo nomadi savona
Bagarre
Campo nomadi a Savona, Versace (Fi) contro Martino (Lega): “Sosteniamo il sindaco, crediamo in libertà e tolleranza”
Campo nomadi fontanassa savona
Lunedì
Campo nomadi Fontanassa, lo spettro dello sgombero: “Abbiamo neonati e malati, dove finiremo?”
Campo nomadi fontanassa savona
Vertice
Campo nomadi Fontanassa: nulla di fatto dopo la riunione in Prefettura, Caprioglio prende tempo
Campo nomadi fontanassa savona
Soluzione
Campo nomadi Fontanassa, Arci Savona: “Sospendere la decisione di abbattere le casette”
Campo nomadi fontanassa savona
A savona
Campo Nomadi, Coordinamento Antifascista Savona: “Rischio di trovarsi sulla strada senza spazio dove vivere”
Campo nomadi fontanassa savona
Dialogo
Campo nomadi, il Comune chiede gli appartamenti di Arte. I sinti: “Casa fatiscente, stiamo meglio qua”
Campo nomadi fontanassa savona
Paletti
Savona, si chiude querelle del campo nomadi: “Nuova sistemazione entro dicembre 2022”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.