IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Andora, stanziati 300 mila euro per le famiglie in difficoltà

Fondi per bollette luce e gas e buoni alimentari

Più informazioni su

Andora. “170mila euro di aiuti per le famiglie in difficoltà per il pagamento delle bollette di luce e gas e per gli affitti; più di 200 le istanze dei cittadini finora accolte”. Ad annunciarlo il vicesindaco e assessore alle politiche sociali del Comune di Andora, Patrizia Lanfredi che ha presentato anche il quadro dei buoni alimentari distribuiti e in distribuzione dell’inizio dell’emergenza.

Un impegno economico per un totale di 146 mila euro fra fondi comunali, statali e regionali di cui 125 mila per buoni alimentari, da spendere anche nei piccoli esercizi alimentari, e 21 mila per l’acquisto farmaci. Il progetto coinvolge tutti gli esercizi del territorio che hanno voluto aderire.

Sono quindi 103 le istanze accolte di cittadini aventi diritto al sostegno per il pagamento dell’affitto. La quota stanziata è di 82.400 euro. Mentre sono 119 le persone che riceveranno un sostegno per il pagamento delle bollette.

“La crisi occupazionale legata all’emergenza Covid-19 ha acuito situazioni già delicate e ampliato la fascia degli aventi diritto – ha spiegato il vicesindaco – Le quote per gli affitti saranno liquidate direttamente ai proprietari di casa. La Giunta ha dato l’ok anche al pagamento di ulteriori 34mila euro assegnati ad Andora dalla Regione Liguria con il Fondo Regionale a sostegno delle locazioni”.

“Inoltre, abbiamo integrato di 27 mila euro i fondi dell’Enel e distribuiremo 88.867,00 euro a sostegno del pagamento delle bollette di luce e gas. Tutto questo va ad integrare i fondi già stanziati per dare una risposta immediata alle situazioni più urgenti fin dai primi giorni dell’emergenza sanitaria covid-19, quali l’aumento dei pasti a domicilio, dei buoni per l’acquisto farmaci. Per la distribuzione dei buoni alimentari l’Amministrazione ha attivato un progetto che permette di coinvolgere concretamente i piccoli negozi alimentari locali oltre ai supermercati, in modo che l’aiuto alle famiglie potesse ripercuotersi positivamente anche sui esercizi commerciali sotto casa, come i negozi di alimentari e frutta e verdura” conclude Lanfredi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.