IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albisola, ore contate per l’ex distributore di benzina in piazza Dante: al suo posto sorgerà un supermercato foto

Sindaco Garbarini: "Personalmente non tifo per i supermercati, ma vedendo il rendering sulla futura riqualificazione della zona posso solo che approvare il progetto"

Albisola Superiore. E’ ufficiale, l’edificio dell’ex distributore di benzina in piazza Dante, in stato di abbandono ormai da una trentina d’anni, si prepara a riprendere vita con la trasformazione in un supermercato. E la riqualificazione dell’intera piazza continua.

Intorno a questa formula per rigenerare il centro di Albisola Superiore nel nome dell’imprenditoria si sono sviluppate numerose polemiche, ma oramai i giochi sono fatti e anche per questo altro supermercato il Suap, lo sportello unico delle attività produttive, ha dato il via libera al progetto. Sarà così che, nel giro di circa 5 mesi, il sito in condizioni fatiscenti lascerà il posto a una nuova struttura di vendita.

Sono felice che venga recuperato questo immobile, come a catena l’area intorno a piazza Dante – commenta il sindaco Maurizio Garbarini – Personalmente non tifo per i supermercati, però, vedendo il rendering sulla futura riqualificazione della zona, con l’eliminazione del vecchio sito abbandonato, posso solo che approvare il progetto. Che sia un supermercato o un’altra attività sono contento di questa novità, che offrirà nuovi posti di lavoro e un servizio in più per i cittadini”.

Ma la paura di poter dare una mazzata al piccolo commercio è dietro l’angolo. Il sindaco tuttavia ritiene che “chi ha il piacere e si trova bene ad andare a comprare in una piccola bottega continuerà a farlo, indipendentemente dalla presenza di nuovi supermercati in zona. Con l’apertura recente di un altro supermercato nel centro, ad esempio, non abbiamo assistito alla chiusura di attività commerciali al dettaglio nelle vicinanze. Non penso quindi che questa azione vada a danneggiare il piccolo commercio”.

“Ora che è possibile a livello legislativo istituire una nuova attività vicino a un’altra simile per settore, non possiamo che cogliere l’occasione che può portare solo a una qualità e a una sana competizione in più” considera Garbarini.

L’idea di questo recupero “imprenditoriale” non piace soprattutto alla minoranza comunale, che preferiva un restyling dell’area in modo più consono alla realtà e alla storia della città, come istituendo un luogo di cultura. Nonostante al sindaco Garbarini potesse fare gola allestire ad esempio un nuovo spazio per la biblioteca albisolese, oggi sacrificata, il tutto sembra non essere possibile: “La proprietà del sito non è del Comune e per questo non è possibile decidere come poter valorizzare il luogo in un altro modo, possiamo solo approvare un progetto presentato da altri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.