IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al San Paolo di Savona impiantato un pacemaker senza fili, è la prima volta in Liguria

Si chiama Micra AV a doppia camera e per la sua installazione non serve alcun taglio chirurgico

Più informazioni su

Savona. Un record per la Cardiologia dell’ospedale San Paolo di Savona: impiantato per la prima volta in Liguria il dispositivo Micra AV a doppia camera. Un pacemaker senza fili della grandezza di una piccola capsula, che viene posizionato direttamente all’interno del ventricolo destro senza alcuna incisione sul torace.

Si tratta di un dispositivo rivoluzionario nella stimolazione cardiaca che azzera il rischio di infezione, annulla il dolore post-operatorio e di conseguenza riduce i tempi di ospedalizzazione.

Ad eseguire con successo l’intervento, svoltosi venerdì 18 dicembre, è stata l’equipe coordinata dal dott. Francesco Pentimalli responsabile della Struttura Semplice di Aritmologia dell’ospedale San Paolo, composta inoltre dai dottori Matteo Astuti, Luca Bacino e Stefano Cornara.

Questo pacemaker – particolarmente indicato nei soggetti con pause patologiche del ritmo cardiaco o con blocchi atrio-ventricolari che necessitano di stimolazione ventricolare guidata dall’atrio – offre una soluzione molto importante per quei pazienti che non possono impiantare un dispositivo tradizionale, poiché hanno avuto in passato episodi di infezione.

Rispetto al pacemaker tradizionale, che normalmente viene posizionato in una tasca sottocutanea sotto la clavicola con gli elettrocateteri  che dalle vene del torace arrivano al cuore, il Micra viene invece inserito con un catetere venoso temporaneo attraverso la gamba e impiantato direttamente nel muscolo cardiaco, al quale viene “ancorato”. La procedura consente di azzerare il rischio di infezione, che negli anni può colpire la tasca sottocutanea a causa della presenza degli elettro-cateteri. Inoltre, il dolore post-operatorio è praticamente nullo, poiché non viene effettuato alcun taglio chirurgico. E’ presente solo un grosso punto a livello dell’inguine destro, che viene rimosso dopo qualche giorno senza lasciare alcuna cicatrice. A differenza dell’impianto di un pacemaker standard, il paziente non ha limitazioni post-operatorie e può subito riprendere la mobilità degli arti superiori.

Per il trattamento delle aritmie cardiache, nell’Ospedale San Paolo di Savona  vengono effettuati oltre 400 interventi l’anno: “Si tratta di una procedura non particolarmente complessa rispetto a molte eseguite presso il nostro centro, ma richiede comunque un elevato livello di specializzazione – spiega il Direttore della S.C. di Cardiologia Pietro Bellone -.  Da alcuni anni l’ospedale San Paolo è diventato protagonista nel trattamento delle aritmie cardiache, grazie alle nuove attrezzature e alla nuova strumentazione acquisita, oggi è possibile eseguire queste procedure sofisticate con maggiore facilità ed efficacia”.

L’apertura della nuova “Sala ibrida” condivisa con la radiologia interventistica  permetterà di ampliare ulteriormente l’offerta della Cardiologia del San Paolo, consentendo quindi una riduzione degli spostamenti dei pazienti verso altre regioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.