IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aggressioni sui treni, i sindacati chiedono più controlli: Polfer e videosorveglianza

"Attuare tavoli tecnici periodici per aggiornare il confronto e mettere in campo le misure necessarie"

Liguria. Le aggressioni, legate anche al tentativo da parte del personale di far rispettare le norme anti-Covid, subite a bordo treno nel 2020 sono state 33. Davanti a questi numeri i sindacati chiedono più controlli attraverso un aumento del personale della Polfer e la realizzazione di sistemi di videosorveglianza a terra. Questo l’oggetto dell’incontro di stamattina richiesto dalle organizzazioni sindacali con le Prefetture liguri, l’assessore regionale ai trasporti Gianni Berrino, Polfer, Trenitalia.

Dopo aver accolto le richieste avanzate dai sindacati, Trenitalia ha comunicato l’implementazione di una nuova app che permetterà di registrare la presenza a bordo di personale delle forze dell’ordine, che per convenzione con la Regione Liguria ha diritto al viaggio gratuito, al fine di consentirne la reperibilità in caso di necessità da parte del capotreno.

“In merito alle risposte ricevute al tavolo, al momento non possono ancora essere considerate soddisfacenti dal Sindacato gli impegni dichiarati dalla Società, che consistono esclusivamente nella conferma dei piani di investimento in nuovo materiale rotabile e nel ricorso al personale di protezione aziendale e, in alcuni casi alla vigilanza privata per la protezione degli asset, come risultano insoddisfatte le richieste di rinforzare gli organici della Polfer”, commentano le segreterie regionali di Filt, Fit Uilt, Ugl, Fast e Orsa in una nota.

L’occasione dell’incontro è stata colta anche per chiedere alle Prefetture e alla Regione di “avviare la cabina di regia più volte auspicata per la programmazione della ripresa scolastica a gennaio delle attività scolastiche in presenza. Viene confermato il limite del 50% della capienza dei mezzi, che corrisponderà a un 75% di didattica in presenza delle scuole superiori e a un probabile scaglionamento degli orari. Poiché il ruolo di coordinamento sarà demandato alle Prefetture, l’assessore ai trasporti ha comunicato di avere completato un piano di riorganizzazione degli orari, da utilizzare per la programmazione del servizio”.

“Le organizzazioni sindacali hanno ribadito l’importanza di un dialogo con le Prefetture per definire meglio le funzioni di controllo e sanzione rispetto alle norme sulle mascherine e sul distanziamento, considerato che si tratta di elementi che contribuiscono ad aumentare il rischio aggressioni del personale di bordo, in modo da definire con maggiore chiarezza compiti e responsabilità del personale di bordo per un maggiore supporto anche nei rapporti col personale deputato alla tutela dell’ordine pubblico”.

“A tal proposito l’assessore ai trasporti ha comunicato che il Ministro competente si è preso l’impegno di chiarire questi aspetti. È stato altresì richiesto di poter attuare tavoli tecnici periodici per aggiornare il confronto sul tema aggressioni. Le Prefetture hanno dimostrato disponibilità al coinvolgimento delle organizzazioni sindacali nella preparazione della ripresa scolastica”, concludono le organizzazioni sindacali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.