IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Virus, la Casa della Legalità e della Cultura pubblica online “i dati tenuti riservati da Alisa”

La onlus rende nota la pubblicazione "sull'incidenza Covid-19 in Liguria"

Più informazioni su

Liguria. La Casa della Legalità pubblica i grafici sulle incidenze giornaliere del Covid-19 nella Città Metropolitana di Genova e nelle province liguri, tra fine settembre e fine ottobre.

“I numeri – spiegano dalla Onlus – contenuti in un documento di ‘AliSa’ di cui si riportano le tabelle, non sono stati resi pubblici ma anzi il documento della Regione Liguria reca la dicitura di divieto di pubblicazione e diffusione, indicandoli come coperti da ‘copyright’. Un documento che è anche carente nei dati, così come si era già riscontrato in merito alla prima ondata dell’emergenza epidemiologica Sars-Cov-2 e persino sullo Stato di Salute della popolazione ligure, e non precisa nemmeno classi di età, sesso e condizione clinica dei casi riportati nelle tabelle”.

“Un documento – proseguono dalla Casa della Legalità e della Cultura – che non indica il tasso grezzo di mortalità (e letalità) dei territori (Comuni e quartieri), nonostante tale dato statistico, unitamente alla diagnosi di partenza e alla condizione clinica, sia fondamentale per una seria indagine epidemiologica, anche a fronte del fatto che la Liguria è stata (nella prima fase) ed è (nell’attuale fase) tra le regioni con il maggior tasso di mortalità per/con Covid-19. Tenere riservati i dati statistici in possesso di ‘AliSa’, ovvero non renderli tempestivamente disponibili, significa nascondere la realtà e impedire anche un’analisi epidemiologica indipendente, utile anche all’adozione delle misure necessarie per fronteggiare efficacemente l’epidemia Sars-Cov-2, nonché i controlli sulla gestione e tenuta del sistema sanitario”.

“Seppur carenti, i dati di ‘AliSa’ sul tasso di incidenza giornaliera del Covid-19 in Liguria tra il 21 settembre ed il 25 ottobre, forniscono comunque un quadro che indicava un significativo aumento dei casi in diversi territori e la parallela assenza di misure adeguate al contenimento della diffusione. I dati registravano, infatti, un incremento dei casi in molteplici Comuni liguri e una crescita del tasso di incidenza giornaliera che ha colpito, in particolare, diversi quartieri genovesi, che tuttavia non hanno condotto all’adozione di adeguati e tempestivi provvedimenti per la prevenzione ed il contenimento da parte delle Autorità preposte (Regione e Comuni).
Occorre capire se vi sia una scelta politica nell’adozione di tale atteggiamento o se invece ‘AliSa’, nonostante il congruo budget a disposizione, non sia in grado di fornire i dati statistici e i dati epidemiologici con la necessaria completezza e tempestività” concludono.

La pubblicazione è disponibile online in formato pdf cliccando QUI.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.