IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vaccini nei centri salute? Brunetto: “Logistica e distribuzione in un sistema di massima integrazione territoriale” fotogallery

"Saremo pronti a partire non appena avremo certezze sul vaccino"

Liguria. Le prime 55 mila dosi che arriveranno in Liguria saranno destinate alle fasce di popolazione maggiormente a rischio, da un lato, e di cui maggiormente c’è bisogno, dall’altro: anziani ospiti di Rsa dunque e personale sanitario, infermieri, medici, operatori. E se nei giorni scorsi si era ipotizzato il metodo “drive-through” anche per i futuri vaccini anti-Covid, oggi, a margine della presentazione del punto tamponi rapidi a Pietra Medica, il neo presidente della commissione regionale sanità Brunello Brunetto ha aperto anche ai Centri Salute per il programma sulle vaccinazioni in Liguria, “nell’ambito di una massima integrazione territoriale necessaria per una vaccinazione di massa, un sistema al quale la Regione dovrà mettere in mano a livello di logistica e distribuzione”.

tamponi pietra medica

“Ognuno di noi legge quotidianamente sui media tutte le novità in tema di vaccini. Sappiamo tutti che al momento ci stanno lavorando tre aziende, e probabilmente una delle tre è più avanti di altre. Esistono problematiche legate alla validazione definitiva, non siamo ancora pronti ma pare stiano procedendo a grande velocità. Certamente una delle problematiche sarà quella logistica, il trasporto e la distribuzione” afferma lo stesso Brunetto.

“Per quanto riguarda le fasce di persone che inizialmente riceveranno il vaccino ci saranno gli operatori sanitari e le persone fragili, poi via via a seconda del rischio. Su questo l’attenzione è massima, il quesito però resta ‘quando saranno disponibili’: questo al momento nessuno è in grado di dirlo” precisa.

Se una persona potrà vaccinarsi in un centro salute? “Ci auguriamo di sì. Ovviamente però la distribuzione dovrà seguire tutta una serie di canali. Teniamo conto che, se le notizie che si apprendono dall’azienda produttrice sono corrette, la catena del freddo potrà essere interrotta solo per alcune ore: una volta arrivato al distributore e ancora refrigerato, il vaccino dovrà raggiungere le sedi di distribuzione nel giro di poche ore”.

“Quindi bisognerà parlare di logistica e di sedi che si rendano disponibili ad essere operative sulle persone, avendole contattate e facendole arrivare in determinate fasce orarie. E’ un sistema ancora da organizzare, ma Regione Liguria è pronta a partire non appena avremo notizie certe sul vaccino”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.