IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tweet di Toti sugli anziani, il centrodestra: “Errore di comunicazione, polemiche strumentali”

Condanna unanime per il tweet ma difesa del concetto: "Salvaguardare le fasce deboli"

Liguria. Tanti, tantissimi attacchi. Da quasi tutte le forze politiche, ma anche dal mondo dei sindacati o da quello associativo. Il tweet di Giovanni Toti sugli anziani “non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese” ha scatenato una raffica di reazioni durissime. Ma c’è anche chi leva la sua voce in difesa del presidente della Regione Liguria, tentando di riportare la discussione non tanto sul tweet incriminato (e bollato come “infelice sintesi” dagli stessi sostenitori di Toti) quanto sul concetto che avrebbe dovuto comunicare.

“I nostri anziani sono una delle colonne portanti della società ligure. Occorre rispettarli e tutelarli in questa difficile situazione causata dall’incapacità del Governo Conte, che non li considera e li ha abbandonati a loro stessi, a gestire con buonsenso l’emergenza coronavirus. Occorrono più risorse da Roma sul territorio per garantire agli anziani una maggiore assistenza – dichiarano il capogruppo e il vice capogruppo regionale Stefano Mai e Sandro Garibaldi (Lega) – Gli anziani sono un sostegno importante per la famiglia, custodi di antichi saperi e tradizioni. Si tratta di persone che dobbiamo ringraziare per il lavoro che hanno svolto in passato e che in molti stanno facendo in diverse attività ancora oggi”.

“Sono mesi – insistono – che diciamo al premier Giuseppe Conte di salvaguardare e tutelare al massimo le fasce più deboli della popolazione, ma, stando ai fatti, il Governo fa orecchie da mercante. La gestione romana dell’emergenza coronavirus, peraltro calata dall’alto, ha fatto risaltare, semmai ce ne fosse stato bisogno, l’inadeguatezza del Governo Conte che non ha preso gli opportuni provvedimenti per tutelare, proteggere e difendere anche i nostri anziani. In Regione Liguria proporremo un provvedimento per fornire più aiuti alle persone anziane e fragili che devono rimanere a casa per l’emergenza coronavirus, anche tramite le associazioni presenti sul territorio”.

“Proverò a spiegare, sperando di non essere frainteso, la macroscopica incomprensione generata dal tweet pubblicato poche ore fa dallo staff che gestisce la comunicazione del Governatore della Liguria – scrive il consigliere regionale Angelo Vaccarezza – Una piccola parentesi alla quale tengo particolarmente: conosco personalmente Giovanni Toti, e in quasi 7 anni di frequentazione, non ha mai avuto una parola fuori posto per nessuno. Si arrabbia, certo, come tutti, ma mai è accaduto che abbia insultato e/o denigrato qualcuno. Detto questo: l’errore, è innegabile, c’è stato. Ed è stato quello di condensare un articolo editato stamani, dove l’argomento incriminato era spiegato puntualmente e con significato assolutamente contrario a quello recepito, in poche righe di tweet”.

“Il senso generato da queste sei righe, ovviamente, è stato completamente ribaltato – rileva Vaccarezza – ed è anche umanamente comprensibile che alla lettura, possa venire interpretato nella maniera più sbagliata e davvero anni luce lontana dalle intenzioni originarie. Proteggere le fasce di età più avanzata limitandone gli orari di uscita fino a che la situazione tornerà alla normalità. Mantenere la normalità per chi lavora e deve necessariamente spostarsi sui territori. Questo il senso. Un articolo che sì, è stato pubblicato in maniera sbagliata e di questo il presidente si è già ampiamente scusato, più di una volta”.

E qui arriva il contrattacco: “Ho letto con attenzione e compreso quasi ogni critica. Accetto tutto, ma il PD, che dovrebbe avere il buon gusto di tacere. È come se un piromane, dopo aver appiccato un incendio, se la prendesse con i Vigili del Fuoco arrivati dopo, mentre si stanno applicando per spegnerlo. Compagni, si può sbagliare un post, ma non la gestione di un sistema sanitario. Quello che in dieci anni avete rivoltato, distrutto, cancellato. Oggi non potete permettervi di fare i paladini di qualcosa che non avete saputo gestire quando avete avuto la possibilità di farlo. Forse noi oggi, e domani, e dopodomani, continueremo a raccogliere critiche, insulti, processi sommari di chi non crederà a quanto adesso scriviamo. Ma quello che noi continueremo a fare, per tutti, sarà lavorare, senza sosta, per ricostruire dalle ceneri lasciate da voialtri una Liguria diversa”.

“Una certa area politica riesce a sollevare polemiche strumentali anche quando c’è da trovare una soluzione per il bene del Paese come in questo momento così delicato – dichiara in una nota la deputata di Cambiamo! Manuela Gagliardi – Il senso delle parole del presidente Toti è chiaro, la sua proposta non è una mortificazione per le persone più anziane come qualcuno vuole far pensare, bensì un’analisi obiettiva sui numeri reali che ci dicono che se tuteliamo e proteggiamo le fasce più deboli evitiamo un’altra chiusura nazionale e un nuovo blocco dell’economia, che l’Italia non si può permettere. Chi deve chiedere scusa non è Toti, ma chi è al governo e chi lo spalleggia per convenienza, che nei mesi di calma non ha fatto nulla per prevenire questa nuova ondata di contagi”.

“In queste ore c’è una polemica in atto nei confronti di Toti che è una tempesta in un bicchier(ino) d’acqua – dichiara in una nota il presidente di Liguria Popolare, Andrea Costa – Il tweet che gli viene attribuito è chiaramente scritto male e non può essere attribuito a Giovanni. Il presidente della Regione è troppo intelligente e quindi non sosterrebbe mai quella insensatezza. Perciò trovo indegno e meschino sventolare quello che è un semplice fraintendimento comunicativo, di cui tra l’altro il Presidente Toti si è già scusato, come la prova di un feroce cinismo del governatore, addirittura follemente accostato agli scellerati genitori della cosiddetta eugenetica, a criminali e professionisti della crudeltà”.

“Il post è frutto di un ritaglio erroneo e superficiale di un testo più ampio, come quello presentato da Toti nella sua pagina Facebook: un concetto più o meno condivisibile, ma comunque lontano e diverso da quello che certi avvelenatori di pozzi vorrebbero imputare al presidente in queste ore – prosegue Costa – “Proprio ora che la situazione torna a farsi complessa, ora che nuovi timori agitano la cittadinanza, chiunque sia dotato di responsabilità e buon senso deve richiamare unicamente e solidamente all’unità, affinché coloro che hanno il compito di gestire queste fasi delicate possano lavorare al meglio e nel bene di tutta la comunità”.

Sulla stessa linea Maurizio Lupi, deputato e presidente di Noi con l’Italia: “Questa operazione è l’ennesima che conferma il modus operandi di certi soggetti: creare rumore e inventare allarmi per nascondere così lacune, ritardi, mancanze. Il percorso politico del presidente Toti testimonia che una dichiarazione del genere non può appartenergli: solo chi è in cattiva fede può pensarlo. Provo dunque tristezza per la determinazione con la quale gli esponenti della sinistra tentano di lucrare sulla sintesi infelice di un pensiero, anziché proporsi ai Liguri con un programma serio, concreto, credibile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.