IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Treni da incubo e aggressioni al personale: i sindacati scrivono alle prefetture liguri

Per fare il punto sulle criticità legate alle attività a bordo treno rispetto alle norme in vigore

Più informazioni su

Liguria. A seguito delle ripetute aggressioni ai danni del personale di bordo sui treni, le Segreterie di Filt Cgil Fit Cisl Uil trasporti Ugl Fast Orsa hanno scritto oggi una lettera alle Prefetture liguri per chiedere un incontro.

“Nell’ultima settimana si sono verificate ulteriori due aggressioni a scapito di capotreno che, durante le attività di controlleria, hanno richiamato i loro aggressori all’utilizzo della mascherina – si legge ndella nota inviata alle Prefetture – Il rischio di aggressioni riguarda anche tutto il personale di front line preposto alle verifiche in stazione”.

Le Segreterie di Filt Cgil Fit Cisl Uil trasporti Ugl Fast Orsa denunciano di non poter più assistere a quanto sta accadendo senza alzare il livello di allarme sull’incolumità del personale e della clientela che utilizza il treno e che viene esposta a rischi quotidiani.

Per i motivi sopra elencati, le Segreterie regionali di Filt Cgil Fit Cisl Uil trasporti Ugl Fast Orsa hanno chiesto ai Prefetti liguri un incontro per fare il punto sulle criticità legate alle attività a bordo treno rispetto alle norme contenute nei provvedimenti governativi in vigore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.