IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, Uniti per la Salute: “Chiediamo alle istituzioni di discutere sulla scelta di un nuovo gruppo a turbogas”

"Diversi studi da tempo mettono in rilievo le problematiche delle emissioni da turbogas di particolato"

Vado Ligure. “Riteniamo gravissimo che la Tirreno Power, un’azienda implicata attualmente con diversi dirigenti o ex dirigenti in un processo per disastro ambientale e sanitario sul territorio savonese abbia l’ardire di chiedere su quello stesso territorio l’autorizzazione a potenziare proprio il sito legato a quella vicenda sociale e sanitaria, ancor prima che giudiziaria”.

A dirlo è Uniti per la Salute ODV, dopo aver appreso che l’azienda abbia avviato le pratiche per potenziare l’impianto di Vado Ligure con “un ulteriore gruppo a turbogas accanto all’attuale unità da 800 MW, operativa fin dal 2007, in pieno centro abitato”.

“Diversi studi da tempo mettono in rilievo le problematiche delle emissioni da turbogas di particolato primario e soprattutto secondario peraltro già evidenziate tra gli altri dallo studio Armaroli e Po e nella relazione dell’Ist di Genova a firma del dottor Federico Valerio proprio nel documento realizzato su richiesta del comune di Quiliano” spiegano da uniti per la Salute ODV.

“In un contesto globale ormai orientato verso il progressivo abbandono di queste fonti inquinanti, riteniamo irricevibile la richiesta di un ulteriore impianto ancora con alimentazione da combustibile fossile, soprattutto perché, oltre al noto impatto del gas metano sul piano del cambiamento climatico, a nostro avviso non tiene in alcun conto la situazione del territorio, che secondo le perizie disposte dalla Procura della Repubblica e lavori di autorevolissimi enti indipendenti e terzi come l’indagine epidemiologica condotta dal Cnr, massimo ente di ricerca italiano, ha pagato e crediamo stia ancora pagando un alto prezzo ambientale e sanitario” continuano.

“Contestiamo con forza le affermazioni con cui si accompagna questa proposta: riteniamo non sarebbe affatto una ‘soluzione più virtuosa per efficienza e basse emissioni’ – aggiungono – La soluzione più virtuosa è quella di puntare subito su fonti rinnovabili, in quanto a nostro avviso le cosiddette ‘basse emissioni’ costituirebbero una ulteriore grave pressione su questo ambiente già cosi provato. Proprio in questi mesi gravati dalla pandemia pensiamo che tutti debbano rivalutare le considerazioni volte alla tutela della salute pubblica”.

“Crediamo pertanto che il processo di riutilizzo delle aree di Vado Ligure debba procedere verso il futuro e non seguire percorsi ormai obsoleti che prevedono un’ulteriore e superata combustione di fossili, bensì orientarsi su strategie più moderne e portatrici anche di maggiore occupazione. Chiediamo quindi a Comuni, Provincia e Regione di portare la discussione nelle rispettive aule consiliari”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.