IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Stella, il consigliere Cheli sulla Tari: “Va ridotta del 35%, nuovo Dpcm duro banco di prova per le attività”

Il 24 luglio scorso era uscito dalla maggioranza per "mancato coinvolgimento"

Più informazioni su

Stella. “Quest’anno è stata una grande prova per tutte le attività del nostro territorio oltre che per i nostri cittadini. Una prova decisamente estenuante, Dpcm dopo Dpcm, le attività di Stella si sono rimboccate le maniche e sono andate avanti a testa bassa”. A parlare, in una nota, è il consigliere comunale Sergio Cheli, fuoriuscito dalla maggioranza il 24 luglio scorso.

“Dal mio punto di vista – spiega l’ex esponente dell’amministrazione comunale di Stella – gli aiuti dati sino ad ora dal Comune non bastano purtroppo, il taglio della TARI del 25% stabilito dalla Deliberazione del Consiglio Comunale n7 del 16 Maggio non è probabilmente più sufficiente. Sarà quindi mia premura proporre al prossimo Consiglio Comunale la medesima riduzione per il 2021, sperando che si possa persino arrivare al 35% di riduzione della tassa pur di cercare di aiutare tutte quelle persone che con così tanta fatica cercano di andare avanti in questo clima di estrema incertezza”.

“Sono i piccoli gesti che fanno la differenza oggi, questa mia proposta è davvero un piccolo gesto che potrà solo dare un fiato in più a quei polmoni pulsanti del nostro territorio. Servirebbero ristoro veri da parte del Governo centrale, sperando che arrivino il prima possibile – prosegue Cheli -. A Stella inoltre abbiamo creato, insieme ad alcuni amici, un Gruppo apposito durante il primo Lockdown – Attività del Territorio contro Coronavirus-Stelladelivery che non speravamo assolutamente di dover riutilizzare. L’obbiettivo del gruppo è quello di segnalare le iniziative dei servizi attivati da istituzioni locali, enti e fondazioni territoriali, strutture ed esercizi commerciali che fanno consegne a domicilio nell’area di Stella e iniziative di associazioni, comitati o semplici cittadini”.

“Vorrei lanciare anche un monito ai miei concittadini, ricordatevi anche dopo dei negozi di alimentari del vostro territorio, ricordatevi anche dopo del bar/trattoria dove avete preso il caffè o il pranzo da asporto, ricordatevi di quelle pizzerie a conduzione familiare che non hanno mai fatto un passo indietro ma anzi, si sono rimboccate le maniche per portarvi la pizza calda direttamente sulla tavola di casa vostra, ricordatevi di quelle attività di produzioni nostrane presenti sul nostro territorio. Ricordiamoci che siamo una comunità, particolare perché divisa in 5 campanili, ma facciamo parte di un’unica grande famiglia!” conclude Cheli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.