IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Scarpette rosse in ceramica per dire no alla violenza sulle donne”, ecco l’iniziativa online per tenere viva la cultura evento

Sarà possibile partecipare gratuitamente martedì 24 e mercoledì 25 novembre

Savona. “Scarpette rosse in ceramica per dire NO alla violenza sulle donne” è il nuovo laboratorio gratuito organizzato dalla pinacoteca civica e dal museo della ceramica di Savona, “per portare avanti la missione culturale e mantenere vivo il legame con il pubblico utilizzando gli strumenti digitali a nostra disposizione”. A curare l’evento aperto a un pubblico adulto che prevede incontri online con le mani nella creta sono il LaboratorioL e Italia Nostra.

E’ così che, dopo le casette in ceramica realizzate dalle mani di bambini e adulti durante il lockdown (leggi qui), martedì 24 e mercoledì 25 novembre ci si potrà collegare sulla piattaforma Google Meet per partecipare alla IV edizione del progetto “Scarpette Rosse in Ceramica per dire NO alla violenza sulle donne”. L’evento promosso dall’AiCC, Associazione Italiana Città della Ceramica è stato pensato in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

In particolare martedì dalle 17.30 alle 18.30 si terrà l’incontro digitale “Le scarpette rosse nelle fiabe: dalla tradizione alla riscrittura contemporanea”. Attraverso l’analisi di fiabe e albi illustrati si cercherà di comprendere i risvolti pedagogici della rivisitazione in chiave contemporanea di alcune storie focalizzate sulla figura femminile e i suoi ruoli.

Mentre mercoledì dalle 18.30 alle 19.30 si potrà produrre con “Scarpette rosse: laboratorio di ceramica”: ogni partecipante realizzerà la propria scarpetta in ceramica seguito dallo staff del LaboratorioL. I primi 20 iscritti potranno ritirare gratuitamente un panetto d’argilla recandosi al Museo della Ceramica (via Aonzo 9, Savona) previo appuntamento. Chi lo desidera, infine, potrà riconsegnare gratuitamente al Museo i pezzi prodotti in argilla per effettuare la cottura.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.