IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rifiuti e frazione organica, Legambiente rilancia: “Impianti di trattamento in ogni provincia”

Affiancare alla raccolta differenziata un adeguato sistema impiantistico

Liguria. La costruzione del nuovo impianto per il trattamento meccanico-biologico (Tmb) da parte di Iren Ambiente, che permetterà al comune di Genova di migliorare le performance ambientali che sono tra le peggiori del Nord Italia (nel 2019 a Genova la quantità di raccolta differenziata si è fermata al 35,5%), rilancia il tema della raccolta differenziata in Liguria, con riferimento alla frazione organica.

Negli altri capoluoghi di provincia dati migliori, soprattutto alla Spezia, dove la raccolta differenziata ha raggiunto il 74,9% e a Imperia che ha fatto un deciso balzo in avanti passando dal 35,2% del 2018 al 66,9% del 2019, Savona cresce lievemente e arriva al 43,8%.

“I dati riportati, che sono quelli del dgr 940/2020 della Regione Liguria, evidenziano come Genova rappresenti il fanalino di coda della regione, sia nella differenziata che nella raccolta della frazione organica, – dichiara Federico Borromeo, direttore di Legambiente Liguria – quindi non possiamo che accogliere favorevolmente l’annuncio dell’apertura dell’impianto per il trattamento dei rifiuti, ma ci preme ricordare che per la chiusura del ciclo è necessario, soprattutto a Genova, un impianto per la biodigestione. La frazione più importante che deve essere trattata è quella organica, per questo sarebbe necessario costruire biodigestori capaci di far fronte alle esigenze territoriali, producendo biometano e compost di qualità”.

Per quanto riguarda la percentuale di frazione organica raccolta nei comuni capoluogo, dai dati emerge che la percentuale alla Spezia è 88,40, Imperia è all’83,13%, Savona al 43,59% e Genova ultima con il 26,55%. Nel comune di Genova si raccolgono 52.702,75 tonnellate all’anno di frazione organica di rifiuti, di questo se ne ricicla solo 13.993,44 t/anno (26,55%) “è chiaro come si producano i rifiuti utili per alimentare un biodigestore”, conclude il direttore ligure dell’associazione ambientalista.

Borromeo ricorda ancora come lo slogan lanciato durante l’Ecoforum dello scorso anno dal presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani fosse: rifiuti zero, impianti mille, proprio per sottolineare come per raggiungere gli obiettivi a sostegno dell’economia circolare è necessario affiancare alla raccolta differenziata un sistema impiantistico per ogni provincia capace di riciclare anche la frazione organica dei rifiuti, senza che questi vengano esportati, con il conseguente sovraccosto economico che il ‘turismo dei rifiuti’ verso altre regioni comporta oggi a carico dei cittadini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.