IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Recovery Fund, Gianni Pastorino: “La giunta Toti stila una lista della spesa ma non coinvolge opposizioni nè parti sociali”

"Qual è la visione di questa giunta? Come immaginano la Liguria del 2050?"

Regione. “La maggioranza di centrodestra capitanata da Toti ha stilato una “lista della spesa” di investimenti per oltre 22 miliardi di euro, che cambierebbero radicalmente la faccia alla nostra regione, su come spendere i soldi del Recovery Fund. Senza rendere pubblici i fascicoli sugli investimenti, con i dettagli progetto per progetto. Senza coinvolgere il resto del consiglio regionale o le parti sociali. Non è così che funziona”. Così il capogruppo di Linea Condivisa Gianni Pastorino attacca duramente il comportamento della giunta Toti.

“ll Recovery Fund, o più correttamente Next generation EU, è un’opportunità per cambiare davvero in meglio. Per investire sulla sanità pubblica, sull’innovazione e sulla sostenibilità ambientale per combattere i cambiamenti climatici. Invece il presidente Toti e la sua maggioranza hanno stilato una lista della spesa generalgenerica. Un elenco di titoli (ad esempio ‘Interventi Infrastrutturali Strategici’, senza specificare quali-dove-perché), cifre e soggetti. Qual è la visione di questa giunta? Come immaginano la Liguria del 2050? Perché a leggere questo scarno e criptico elenco della spesa, non si intravede alcun futuro migliore, ma solo tanti interventi riparatori, e fondi a perdita d’occhio per i soliti soggetti”.

“Fino ad ora i fondi europei sono stati usati parzialmente e in maniera non finalizzata. Il rischio è che anche questa ennesima lista della spesa fallisca, per colpa dell’impreparazione tecnica di questa giunta, e del pressapochismo delle loro proposte”.

“Ma in ogni caso il presidente Toti avrà raggiunto il suo scopo: sventolare davanti ai cittadini fumosi elenchi di progetti e investimenti, e una volta che non li avrà ottenuti, scaricare la colpa sul Governo e sull’Europa. Senza mai prendersi le proprie responsabilità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.