IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Punto nascite Santa Corona, l’Asl: “Pazienti con emergenze specialistiche supportate da ginecologi ed ostetriche”

"A partire da lunedì 30 novembre riprenderà presso l'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure l'attività dell'ambulatorio ostetrico"

Pietra Ligure. Non si è fatta attendere la replica del commissario dell’Asl2 savonese, Paolo Cavagnaro, alle proposte/richieste avanzate nei giorni scorsi dal comitato dei Cittadini Attivi Loanesi, in prima linea (insieme a diversi altri gruppi e semplici cittadini) per la “difesa” del punto nascite del Santa Corona di Pietra Ligure.

Per compensare la chiusura temporanea della struttura, il portavoce Michele Pellegrini proponeva di “dare supporto istituzionale alle future mamme del comprensorio del ponente savonese, ricostituendo appositi ambulatori e aree dedicate presso il Santa Corona per effettuare assistenza e controlli di routine; gestire le emergenze predisponendo aree dedicate, sia per le pazienti gravide che per i bambini”.

Dopo le rassicurazioni del capo del dipartimento materno-infantile Eugenio Volpi e quelle del governatore Giovanni Toti, ecco la risposta di Cavagnaro, arrivata oggi e indirizzata (per conoscenza) anche al presidente della Regione e al sindaco di Loano Luigi Pignocca (che pure era intervenuto sul tema). In prima istanza, il commissario dell’Azienda Sanitaria savonese ricorda che “a partire da lunedì 30 novembre riprenderà presso l’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure l’attività dell’ambulatorio ostetrico per dare supporto atte future mamme del comprensorio di competenza dell’ospedale Santa Corona. L’ambulatorio sarà aperto dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 14 e consentirà alle donne residenti di eseguire i controlli di routine previsti nella gravidanza fisiologica (ad eccezione dell’ecografia morfologica) presso il nosocomio pietrese e conseguentemente limitare gli spostamenti verso l’ospedale di Savona”.

Per quanto riguarda invece la “temporanea sospensione dell’attività del punto nascita, tutte le emergenze in pazienti in stato di gravidanza, indipendentemente dal codice colore dell’urgenza, devono recarsi o essere trasportate presso l’ospedale San Paolo di Savona, con eccezione delle situazioni (ad esempio politrauma, patologia di competenza neurochirurgico) che necessitano di assistenza specialistica presente esclusivamente presso l’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. Per la gestione multidisciplinare di tali evenienze è attivo un servizio di pronta disponibilità dei medici specialisti in ginecologia ed ostetricia”.

Infine, all’interno del pronto soccorso generale sono “previste tuttora aree di visita e di attesa separate per il paziente pediatrico sia nell’area del pronto soccorso dedicata ai pazienti con sintomatologia sospetta per Covid-19 sia nell’area dedicata ai pazienti senza sospetto clinico di Covid-19. Nello specifico, la stanza citata è già individuata, stante l’attuale organizzazione del pronto soccorso generale, quale sala visita del paziente pediatrico che accede alla struttura con sintomatologia sospetta per Covid-19”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.