IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra Ligure, il Comune destina altri 70mila euro per i buoni spesa

Organizzata anche la seconda edizione della Spesa Sospesa

Pietra Ligure. Il Comune di Pietra Ligure ha destinato ulteriori 70 mila euro all’attuazione di misure di solidarietà alimentare per i cittadini in situazione di fragilità. Si tratta di buoni spesa per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità. Questa operazione è stata pensata in seguito ai diversi provvedimenti nazionali, regionali e della protezione civile che si sono susseguiti in questi mesi di emergenza sanitaria nazionale.

“La giunta comunale (con delibera n.158 del 17 novembre 2020), oltre a definire i criteri per l’erogazione della seconda tranche dei buoni spesa, ha destinato una somma maggiore rispetto alla prima edizione del bando, integrando con fondi propri e ridando la possibilità ai cittadini di contribuire con donazioni liberali, confermando nuovamente l’iniziativa Spesa Sospesa” precisa il sindaco pietrese Luigi De Vincenzi.

L’importo dei buoni di solidarietà alimentare, finalizzati tassativamente all’acquisto di generi di prima necessità, non convertibili in valuta e nominativi, “sarà definito dai servizi sociali sulla base del numero dei componenti del nucleo familiare con priorità a chi non usufruisce di altra forma di supporto economico/ ammortizzatore sociale (es. reddito o pensione di cittadinanza) – afferma De Vincenzi – Il valore dei buoni è di 75 euro per ogni componente il nucleo familiare, per una cifra massima erogabile per ogni nucleo familiare pari a 375 euro. I buoni spesa, usufruibili dai residenti nel Comune di Pietra Ligure e utilizzabili presso gli esercizi commerciali che aderiscono all’iniziativa e che verranno pubblicati sul sito del Comune, sono attribuiti alle famiglie con un ISEE non superiore a 10 mila euro”.

Il bando e il modulo per la domanda possono essere scaricati dal sito internet istituzionale del Comune di Pietra Ligure oppure ritirati presso l’Ufficio Servizi Sociali, previo appuntamento telefonico al numero 019/62931700, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30. La richiesta dovrà essere inoltrata dal 20 novembre al 4 dicembre 2020, tramite pec all’indirizzo protocollo@pec.comunepietraligure.it o consegnata a mano all’Ufficio protocollo, previo appuntamento allo 019.62931543.

L’erogazione del buono spesa, previa valutazione dell’equipe multi-professionale dell’Ufficio Servizi Sociali, sarà a cura dell’ufficio stesso che provvederà a comunicare all’utente l’esito della domanda. Tutte le informazioni utili sono reperibili sul sito del Comune o telefonando al 019/62931700 dalle 8.30/13.30 dal lunedì al venerdì e dalle 14.30 alle 16.30 il martedì e il giovedì. Per le persone e i nuclei che si trovino in difficoltà a fare la spesa il Comune si rende disponibile a effettuare la spesa in loro vece previo contatto telefonico con i servizi sociali al numero sopra indicato.

Le donazioni liberali, legate alla seconda edizione della “spesa sospesa”, potranno essere effettuate – anche oltre i termini del bando – con versamento sul c/c del Comune di Pietra Ligure c/o Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo di Carrù IBAN: IT53 A 08450 49430 000000001540 con causale “Donazione ad integrazione delle misure di solidarietà alimentare governative e comunali”.

“L’epidemia da Covid-19 purtroppo continua a non darci tregua e per molti nostri concittadini, per molte famiglie, per molti lavoratori e imprenditori, alla preoccupazione per l’aspetto sanitario si aggiunge anche quello economico – commentano il sindaco Luigi De Vincenzi e l’assessore alle politiche sociali Marisa Pastorino – Come già ad aprile, anche in corrispondenza di questa seconda ondata dell’epidemia ci siamo adoperati per fornire sostegno alle persone e alle famiglie maggiormente colpite con diverse misure in via di implementazione tra cui i buoni spesa, che saranno operativi a partire da oggi venerdì 20 novembre”.

“Siamo pronti a distribuire 70 mila euro a cui si aggiungeranno quelli provenienti dalle donazioni della ‘spesa sospesa’ già attivata in primavera, iniziativa che abbiamo deciso di replicare dando nuovamente la possibilità di offrire una o più ‘spese sospese’ attraverso libere donazioni sul conto corrente del Comune – continuano – Ancora una volta abbiamo scelto di andare oltre le risorse stanziate dai provvedimenti governativi e di ‘fare la nostra parte‘, per venire incontro alle necessità che stanno attanagliando molti nostri concittadini, ampliando il plafond con fondi propri comunali ed aumentando al contempo l’importo del buono rispetto alla prima edizione; inoltre, supportiamo l’iniziativa personale di solidarietà, facendocene carico attraverso i canali istituzionali, sia per garantire e tutelare chi dona e chi riceve, sia per valorizzare al massimo quel genuino spirito di sussidiarietà che della nostra comunità è il “cemento” e possibilità, anche e soprattutto in questo momento di grande difficoltà, di arricchimento e di crescita”.

Poi concludono: “Ringraziamo, ancora una volta, i nostri uffici che hanno lavorato e stanno lavorando con il consueto impegno per velocizzare al massimo tutti gli iter burocratici, sia per questa misura che per le altre che saranno operative prossimamente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.