IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Millesimo festeggia i suoi 814 anni con il Premio Enrico II del Carretto ad Alberto Bellavia

Il musicista valbormidese è stato premiato in diretta Facebook dal sindaco Picalli

Millesimo. 814 anni di storia, proprio ieri il Comune di Millesimo festeggiava il suo anniversario e come di consueto dal 1984, anche in tempo di Covid, ha consegnato il Premio Enrico II del Carretto. Ad aggiudicarselo quest’anno, il musicista Alberto Bellavia.

“Il premio vuol essere un attestato di riconoscenza della nostra comunità verso un artista e musicista del nostro territorio che contribuisce in maniera fattiva e concreta alla sviluppo artistico e musicale nel tessuto sociale millesimese ed oltre – ha commentato il sindaco Aldo Picalli nella diretta Facebook dal Castello del Carretto di ieri sera – Un riconoscimento collettivo verso un uomo che con grande capacità artistica ha saputo coniugare passione, divertimento, voglia di sviluppare nuovi temi musicali ed insegnarli praticando nella nostra comunità e portando in alto il nome di Millesimo in tutta Italia e all’estero”.

“Un premio – continua il primo cittadino – che testimonia la stima verso Alberto Bellavia che nel corso degli anni ha dimostrato grande sensibilità negli ambiti sociali e di insegnamento in prima persona attorniandosi di veri amici e collaboratori senza la ricerca di particolari riflettori”.

Notevole, infatti, il curriculum dell’artista millesimese classe 1976, che dopo essersi diplomato al Conservatorio di Musica G.F. Ghedini in jazz primo e secondo livello, didattica del pianoforte e didattica della musica, ha intrapreso la carriera di insegnate di scuole pubbliche e private.

Si è esibito prima singolarmente in manifestazioni provinciali, regionali e nazionali e poi ha avviato la collaborazione con eccellenze artistiche nazionali ed internazionali. Il jazz, la sua primordiale passione, lo ha portato a formare un connubio artistico con Roberto Rebufello, per tutti “Fiello”, formando il gruppo “The Duet” con cui hanno calcato palcoscenici nazionali e internazionali incidendo molti cd di grande successo tra gli addetti e gli estimatori di queste sonorità.

Concerti effettuati in Austria, Francia, Svizzera e Stati Uniti. Alberto è direttore dei corsi musicale della Banda musicale di Millesimo, città dove ha organizzato eventi musicali, il più noti i concerti del settembre musicale che si tengono al Castello del Carretto.

Un grande passione anche per il cinema, Bellavia ha prodotto colonne sonore in Italia e nel mondo e nel 2020 ha ricevuto 7 prestigiosi  riconoscimenti ai lavori svolti con menzione d’onore come miglior colonna sonora originale negli Hawards di Firenze, Roma, Napoli e Venezia e oltre oceano negli Hawards di Los Angeles, Hollywood e Las Vegas.

Nonostante i numerosi premi ricevuti, si legge l’emozione nelle parole di Alberto Bellavia al momento della consegna della pergamena e della medaglia da parte del sindaco Picalli. “Grazie a Millesimo e a tutta la comunità –  ha dichiarato l’artista -. È da quando avevo 8 anni che viene consegnato questo premio a persone che hanno fatto qualcosa per Millesimo. Questo per me rappresenta un doppio grande traguardo. Ogni volta che scendi anche dai grandi palchi, la gente non si ricorda più chi sei, Millesimo, invece, è una grande famiglia”.

“Credo che uno dei motivi per cui mi è stato dato questo premio è perché ho fatto qualcosa per la città, che ha migliorato anche per pochi istanti la vita delle persone, come può accadere con  i Concerti al Castello che organizziamo da 15 anni. E poi la scuola di musica, per me non vuole dire solo insegnare la tecnica, ma anche lasciare qualcosa ai ragazzi e aprire loro le prospettive, trasmettere la passione, ispirarli. Come mi hanno insegnato i miei maestri, nella musica deve prima venire l’essere umano, non si deve comunicare quanti si è bravi, ma bisogna comunicare un messaggio per arrivare a chi ci ascolta” conclude Bellavia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.