IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liguria, eletta Valentina Jannacone come coordinatrice regionale di “Unione Nazionale Vittime”

"Sono molto onorata che la scelta sia ricaduta su di me"

Liguria. E’ stato eletto come nuovo coordinatore regionale dell’associazione “Unione Nazionale Vittime” a supporto delle vittime di reati violenti di ogni genere, la genovese Valentina Jannacone.

“Sono molto onorata che la scelta sia ricaduta su di me. Ho conosciuto il team Unavi e Paola Radaelli (presidente dell’associazione) due anni fa, quando mi chiesero di presentare alcune serate dedicate al tema delle vittime di reati violenti. Da quel giorno è nata una collaborazione che ha arricchito soprattutto la mia persona che come molti, non si rende ancora conto di quanto certe situazioni siano vicine”.

“Parlare con i familiari delle vittime è stato quasi uno shock – afferma Jannacone – ascoltare i racconti e le difficoltà affrontate, soprattutto in termini di tempistiche per ottenere giustizia, la solitudine in cui molti si sentono avvolti, fino all’incontro con Unavi, mi ha reso consapevole di come ci sia bisogno di professionisti che si mettano in gioco per aiutare le vittime e di voci forti per arrivare fino al Governo per cambiare il sistema. sono onorata di poter aumentare il mio impegno e farò del mio meglio per rappresentare Unavi sul territorio coordinando il lavoro del nostro team affinché chi abbia bisogno riceva sostegno immediato. Ringrazio il direttivo Unavi per la fiducia e la presidente Paola per avermi resa parte integrante di un progetto purtroppo oggi più che mai necessario”.

L’Unione Nazionale Vittime, in occasione, ringrazia Barbara Bavastro, fino a ieri rappresentante della regione: “Quella con Barbara è stata una collaborazione proficua giunta purtroppo al capolinea per problemi personali che speriamo presto possa risolvere – afferma la presidente Radaelli – Unavi in Liguria è cresciuta molto ed ha trovato il sostegno di professionisti che si sono messi a disposizione delle vittime”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.