IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Investimenti e agevolazioni per le famiglie, il Comune di Albenga approva l’assestamento di bilancio 2020

L’assessore Pelosi: “ Siamo riusciti a mantenere il bilancio in equilibrio con importanti agevolazioni a famiglie e imprese”

Più informazioni su

Albenga. Durante il consiglio comunale di Albenga di ieri sera, giovedì 13 novembre, sono state approvate una serie di importanti misure di carattere finanziario con voto favorevole della sola maggioranza.

In particolare, l’amministrazione ha deciso di destinare il contributo dello stato denominato “Fondo Imu-Tasi” di 59.697,06 euro a interventi di manutenzione ed adeguamento degli edifici scolastici anziché, come era stato originariamente previsto alla riqualificazione dei piani viabili sul territorio cittadino; si è finanziato, con l’avanzo di amministrazione destinato a investimenti, ancora disponibile, la somma di 41.114 euro all’impermeabilizzazione del tetto della piscina comunale al fine di consentire il regolare svolgimento delle relative attività; è stato modificato il finanziamento dell’intervento di demolizione della caserma Turinetto attivando un mutuo di 2 milioni e 175 mila euro.

Ancora, è stato finanziato l’incarico incarico professionale per la progettazione dei lavori di realizzazione del nuovo polo scolastico dell’ex caserma Turinetto per un importo di un milione e 200 mila euro; ssno stati finanziati gli interventi di somma urgenza da eseguirsi per il ripristino delle opere pubbliche danneggiate a seguito dell’ondata di maltempo del 2 e 3 ottobre, tra cui la più importante l’argine del Lungocenta Croce Bianca ( per una somma di 320 mila euro) e l’argine del Carendetta (per una somma di 70 mila euro); è stato iscritto a bilancio il contributo dello stato per il fondo servizi povertà per 246.002 euro0 così come comunicato dal ministero del lavoro e delle politiche sociali da destinarsi in parte a spese di personale ed in parte a spese per servizi, così come autorizzato dal progetto stesso, approvato dal ministero.

Spiega l’assessore al bilancio Silvia Pelosi: “In merito alle variazione al bilancio di previsione per il triennio 2020/2022 siamo riusciti a mantenere un bilancio sano nonostante le minori entrate derivanti dalla situazione Covid e gli aiuti dati alle imprese e alle famiglie che ricordiamo essere: riduzione del 25% Tari per attività produttive colpite dal lockdown; eliminazione della quota Tasi per gli immobili produttivi di categoria D pari allo 0,75 X 1000; proroga dell’acconto Imu al 30 settembre per gli immobili delle attività soggette a sospensione per Covid; esenzione dal canone di occupazione suolo pubblico non solo per i pubblici esercizi, ma anche per le altre attività economiche (banchi del mercato, attività commerciali, ecc); azzeramento Imu per i fabbricati rurali; conferma dell’esenzione Imu per i terreni agricoli”.

Afferma l’assessore Pelosi: “Recuperare dette risorse è stato un lavoro particolarmente complesso, nell’attuale fase di riduzione delle entrate e di crisi economica generalizzata, ma ci è sembrato doveroso attuare queste misure per andare incontro ai commercianti, agli artigiani, agli esercenti e a tutti gli imprenditori cittadini che hanno dovuto subire la chiusura obbligatoria dell’attività per l’emergenza sanitaria. In questo modo, non è stata fatta pagare a tutto il mondo produttivo e commerciale cittadino coinvolto dal Covid19, non solo la raccolta e lo smaltimento dei loro ridotti rifiuti (come suggerisce l’Arera) ma anche tutta la spesa a loro carico per i costi fissi del servizio, lo spazzamento delle strade e così via, senza alzare la tariffa per le categorie che invece sono rimaste aperte ed hanno lavorato e le famiglie, con possibilità di versare la tassa in un’unica soluzione entro il 31 dicembre 2020”.

“Sono lieta di poter affermare che tutte queste agevolazioni, proroghe, riduzioni, esenzioni, rinvii e così via – continua l’assessore – hanno comunque consentito al nostro bilancio di avere una situazione di equilibrio finanziario che ci permette di destinare le risorse di sostegno per le funzioni fondamentali, trasferite dallo Stato, ad un fondo (pari all’ammontare delle perdite sopra descritte) che consentirà, come prescrive il decreto Rilancio, di destinarle integralmente ad ulteriori perdite che dovessero presentarsi e magari, per il 2021 spero di poter mantenere almeno in parte dette agevolazioni ed aiutare nel miglior modo possibile le famiglie e le imprese fortemente provate dalla pandemia”.

“Si è riusciti anche ad aggiornamento lo stanziamento delle somme necessarie al contenimento dell’emergenza epidemiologica (spese per smaltimento rifiuti cittadini posti in quarantena, sanificazioni palazzi e mezzi, acquisto DPI, ecc.) e si è dato corso all’iscrizione all’entrata del Bilancio dell’Ente dei contributi assegnati dallo Stato in ristori delle mancate entrate comunali e delle maggiori spese necessarie al fine di garantire la corretta attività istituzionale fino alla fine del corrente anno. Un grande lavoro del quale sono soddisfatta e per il quale ringrazio in particolare gli uffici”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.