IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Europa Verde contro Toti: “Non vede i disastri della sanità e attacca lo sciopero del pubblico impiego”

"Il governatore è ovunque, parla e si contraddice"

Savona. “In questi giorni l’esposizione mediatica del Presidente della Regione Toti è veramente elevata:compare ovunque, parla del lockdown, delle zone. Non vede i disastri della sanità e attacca lo sciopero genero generale del pubblico impiego indetto per il 9 dicembre senza neppure interrogarsi sul fatto che quello sciopero viene indetto pure per sollecitare una soluzione al grave problema dei precari, che l’Unione Europea vuole risolto entro il prossimo anno e proprio la Regione Liguria dovrebbe affrontare a La Spezia con il centinaio di OSS in attesa della soluzione del loro grave problema lavorativo”. Lo comunica, in una nota, Europa Verde Liguria.

“Noi oggi però – spiegano – vorremmo porre l’attenzione su una questione diversa ma altrettanto importante per la salute e l’ambiente, le bonifiche delle aree inquinate. La Liguria purtroppo negli anni non è stata da meno di molte altre regioni e vi sono intere aree da sistemare. Ne ricordiamo le principali, come l’ex ACNA di Cengio (SV), l’ex Stoppani di Cogoleto (GE) e la collina di Pitelli (SP). A questi tre gravi casi nazionali sono poi associabili altre situazioni di minore conoscenza ma di altrettanta importanza come la diga di San Giuseppe di Cairo Montenotte (SV),che dovrebbe essere svuotata e bonificata”.

“Noi crediamo che la Regione debba intervenire sul tema e fare il punto della situazione tramite una apposita Commissione Regionale di Indagine – proseguono da Europa Verde Liguria – formata dai consiglieri regionali e che possa almeno chiarire quale sia lo stato dell’arte e perche’,ad esempio, a noi Verdi ma non solo giungano anche attraverso notizie di stampa, se non abbiamo letto male, informazioni di una bonifica incompleta a Cengio, di forti dubbi su ciò che sia stato fatto ad oggi nell’area ex Stoppani e un preoccupante silenzio sulla collina di Pitelli. Su queste zone vi sono poi necessità di chiarire alcuni punti dirimenti:ad esempio il risarcimento del danno ambientale in valle Bormida”.

“A questo punto riteniamo che una commissione consiliare, che lavori celermente possa fornire il quadro della situazione se lavorerà di stretta intesa con le popolazioni danneggiate a cominciare dall’ACNA con i comuni piemontesi ad esempio e se verificherà gli atti e i luoghi. Si tratta di una proposta forse minima ma noi continuiamo ad essere estremamente preoccupati della situazione ligure e vorremmo riuscire finalmente a vedere un ruolo di governo della Regione Liguria, che si assuma le proprie responsabilità rispetto alla popolazione. Noi forse abbaiamo troppo alla luna ma vorremmo ottenere notizie precise e riscontri obiettivi da chi continua a presenziare tutti gli organi di stampa per dire, contraddirsi e replicare a se stesso in poche ore” concludono.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.