IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Deterioramento cognitivo, demenze…e non solo Alzheimer”, la 3° edizione si terrà in videoconferenza

Programmato il 14 novembre e ideato dalla dott.ssa Tiziana Tassinari, si parlerà anche di Covid

Pietra Ligure. Il 14 novembre in videoconferenza live, tramite piattaforma dedicata, si terrà la terza edizione del convegno “Deterioramento cognitivo, demenze…e non solo Alzheimer”.

Anche in quest’anno così difficile, la dott.ssa Tiziana Tassinari Direttore della S.C. di Neurologia del Santa Corona ha voluto dare continuità a un evento che sempre più si rivela un importante appuntamento per il confronto e la crescita clinico-scientifica in tema di deterioramento cognitivo e demenze.

Come gli altri anni, il convegno riunisce esperti di fama nazionale ed internazionale per discutere insieme il fenomeno universale dell’allungamento della vita media con conseguente processo di invecchiamento e possibile insorgere di una serie di malattie croniche neurodegenerative, che comportano deterioramento cognitivo e nelle forme più gravi Demenza. Quest’anno un ulteriore filo conduttore sarà costituito dalla Neuroinfiammazione nelle sue più articolate sfaccettature e complicanze.

Nel corso dell’evento si parlerà di diagnosi e cura, ma anche di prevenzione e gestione nonché di fattori di rischio come l’emicrania e soprattutto si discuterà del paziente nel suo complesso, in considerazione del fatto che sempre più ci si trova di fronte a individui polipatologici e politrattati, la cui condizione di comorbidità richiede di cimentarsi con percorsi diagnostici, terapeutici e farmacologici complessi e multidimensionali.

In questa edizione si affronterà il ruolo dell’Infiammazione, all’interno del quale trova spazio anche il “fenomeno” Covid-19, che tanto ha condizionato l’ultimo periodo e che sembrerebbe coinvolgere in maniera cospicua il Sistema Nervoso Centrale, con conseguenze che ad oggi non possiamo ancora quantificare, ma che sicuramente coinvolgeranno l’intera classe medica nel prossimo futuro, in un percorso di studio e approfondimento, nonché di cura del paziente.

Il convegno sarà occasione per iniziare a confrontarsi sulle prime esperienze in campo e per trarre spunti di riflessione importanti su un tema così ampio e misconosciuto. Si punterà a fare emergere, tramite il confronto tra esperti, approcci clinici futuri e argomenti di studio, che meglio facciano capire e, soprattutto, conducano a individuare come intervenire nella prevenzione e cura del post Covid.

Tra la Faculty, importanti clinici liguri, ma anche ricercatori dell’Università di Genova, dell’Università dell’Aquila, di Brescia e dell’Università La Sapienza di Roma.

Il convegno, aperto solo ad addetti del settore (massimo 100 partecipanti).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.