Mossa preelettorale

“Declassata” sui social: il gruppo “Ilaria Caprioglio Sindaco” diventa “Savona Comune e Città”

L'attuale primo cittadino, infatti, non sarà ricandidato dal centrodestra: da qui la decisione di "sganciare" il gruppo dalla sua figura

Generica

Savona. Si chiamava “Ilaria Caprioglio sindaco” sin dalla creazione, avvenuta il 9 aprile 2016. Da oggi, invece, si chiamerà “Savona Comune e Città”. Il gruppo Facebook da sempre collegato al sindaco di Savona cambia nome, ed è impossibile non leggere dietro questa mossa un primo passo per prendere le distanze dalla figura di Caprioglio in vista delle prossime elezioni amministrative.

La pagina è amministrata da tre persone da sempre considerate di centrodestra o vicine a tale schieramento: Ubaldo Borchi (Liguria Popolare), Silvano Molinas (amministratore anche di altri gruppi) ed Ettore Molino (ex assessore alla Cultura ad Albissola Marina). Proprio quest’ultimo è l’autore materiale del cambio di nome, con annessa modifica anche dell’immagine di copertina. Mosse dal chiaro sapore pre-elettorale.

Il gruppo, infatti, nacque proprio in piena campagna per l’elezione di Caprioglio, e da subito fu collegato al suo nome. Una volta eletto, poi, il primo cittadino aprì una propria pagina ufficiale dalla quale comunicare direttamente con i cittadini. Il gruppo, però, è sopravvissuto: ha raccolto poco più di 1230 membri nell’arco di 4 anni e mezzo, nel corso dei quali ha svolto la funzione collaterale di luogo in cui i sostenitori dell’attuale amministrazione potevano pubblicare notizie o discutere tra loro.

Nel 2021, però, qualunque schieramento vinca, Caprioglio è destinata a non sedere più sullo scranno più alto di Palazzo Sisto (non è certo un mistero, le manovre per succederle sono in corso da mesi). E così Molino deve aver pensato (chissà se in prima persona o “imbeccato” dai partiti) che sarebbe stato un peccato disperdere il lavoro di questi 4 anni e mezzo sui social.

Il gruppo, dunque, da oggi non è più “abbinato” alla figura dell’attuale sindaco bensì al Comune e alla città. Mossa senza dubbio comprensibile e anche lecita. Certo, a questo punto andrà chiarito in qualche modo che il gruppo non è “apolitico” ma chiaramente orientato verso il centrodestra, per evitare confusione in chi decidesse di farne parte in futuro. E anche per chi ne fa già parte: in molti si sono iscritti ritenendola appunto “la pagina del sindaco”, senza troppe riflessioni sul colore di appartenenza (tra gli iscritti ci sono diverse persone vicine allo schieramento opposto).

leggi anche
santi incognita
Strategia
Savona 2021, il piano di Toti: Cambiamo candida sindaco Santi per “forzare” la Lega

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.