IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Stile Savonese

Davide Aicardi dei Messer DaVil racconta “Volare via”

"Stile Savonese" è la rubrica di moda, bellezza e lifestyle di IVG, a cura di Maria Gramaglia

Più informazioni su

“Volare via”, un brano che affronta il complicato tema della difficoltà di comunicazione all’interno delle relazioni sentimentali, estratto dal concept album La Sindrome di Stoccolma di una delle band più promettenti della scena ingauna: Messer DaVil.

Ho ascoltato il brano, ho fatto qualche rapida ricerca sul gruppo e mi sono subito attivata per fare una chiacchierata telefonica con Davide Aicardi.

Autore dei brani, nonché sceneggiatore cinematografico, di fumetti e cartoni animati e chitarrista, Davide Aicardi vive a Loano, dopo un periodo trascorso a Milano.
Davide mi racconta che Milano gli offre molto, sia da un punto di vista strettamente professionale che culturale, ma non si lascia assorbire dallo stile di vita tipico della città.

Agli aperitivi preferisce la scrittura, così, pezzo dopo pezzo, si ritrova con oltre settanta testi scritti e, a poco a poco, con gli amici musicisti di vecchia data, nasce l’idea di selezionarne alcuni per farne un album.

Inizia così un lungo lavoro, diviso in più fasi, che ha visto il coinvolgimento della vecchia band di cui Davide faceva parte in gioventù: la Soja Dream.

A questo punto, i componenti della Soja Dream, ad eccezione del bassista, che nel frattempo ha lasciato la Liguria, si ricostituiscono con il nuovo nome di Messer Davil.

Davide Aicardi, songwriter e chitarrista, Alessandro Lamberti, cantante, Mauro Max Maloberti, tastierista, Federico Fugassa, bassista, Maurizio De Palo, batterista, con la preziosa collaborazione di Alessandro Mazzitelli che ha prodotto i brani: ecco i Messer DaVil.

Il 14 Giugno 2019 esce La Sindrome di Stoccolma, album d’esordio della formazione ligure.

Un concept album di genere indie-pop-rock elettronico, che affronta il tema della prigionia volontaria e della dipendenza, da cui il titolo dell’opera.

Diciotto brani legati da un tema non facile che, nelle sue stratificazioni, può riguardarci tutti da vicino.

Ciò che ci tiene volontariamente prigionieri ogni giorno, nella nostra routine, nei sentimenti, nelle abitudini; emozioni, situazioni e sentimenti che possono farci anche male, ma che ci teniamo stretti.

VOLARE VIA è il quarto brano estratto dall’album “La Sindrome Di Stoccolma”. Propone un’incalzante atmosfera, sempre in crescendo, sostenuta dalla ritmica elettro-dance e dalle chitarre rock che li contraddistingue. Nell’interpretazione dei Messer DaVil, uscita il 31 ottobre scorso, la difficoltà di comunicazione, colta nel quotidiano, è impersonata da un vero e proprio demone con il volto dipinto da teschio che, suadente e affascinante, agisce allontanando amanti destinati a cercarsi e, altrimenti, a trovarsi. Il demone si muove tra noi subdolo, nutrendosi delle nostre debolezze, tra timidezza, insicurezza, esperienze pregresse, orgoglio, paura, controllo, remissività, possesso, routine, gelosia e quotidianità. Ma nel videoclip della band, realizzato e montato da Davide, interamente con materiale video di stock-footage, la visione non è per niente pessimista e crea un contrasto intenzionale con il testo.

Nella seconda parte della storia, infatti, è lo stesso demone a innamorarsi e a rimanere vittima del suo stesso agire negativo, non arrivando mai a incontrare la donna dei suoi desideri, che fugge vestita di bianco in un bosco, lasciandolo solo.

Da questo punto in avanti, l’emozionante conclusione, lanciata dallo stesso Messer DaVil in persona, che fa aprire il sipario su un finale nel quale diverse coppie di disparato genere e identità sessuale, celebrano la loro unione con baci, carezze, abbracci e tutti quei gesti che, più che le parole, dovrebbero raccontare l’amore.

Metaforicamente, è proprio l’amore a sconfiggere il demone della comunicazione sbagliata e l’immagine della sua frustrazione è rappresentata da un ultimo urlo di rabbia, prima che questo venga definitivamente riassorbito dal buio dal quale è venuto.

Nell’ultima, immancabile in tutti i clip dei Messer DaVil, scena post-credit, il demone è così l’unico a essere rimasto da solo e a non avere ottenuto la sua felicità.

L’opera, nella sua fase conclusiva in cui il testo non coincide esattamente con la storia rappresentata, vuole rimarcare un fattore ricorrente nelle nostre vite: le nostre azioni a volte non corrispondono a ciò che pensiamo razionalmente.

Talvolta, lasciarsi guidare dall’istinto e dal cuore ci fa percorrere la strada giusta, quella che può portarci alla felicità.
– Davide, progetti per il futuro?
– Ne abbiamo diversi.

Prima di tutto, stiamo lavorando alla versione live dei brani, che presenta un lavoro complesso per rendere giustizia alle sonorità che li caratterizzano.
Parallelamente poi, io e Alessandro stiamo lavorando a nuove produzioni sia come solisti che con la band.

Intanto godiamoci “Volare via”.

“Stile Savonese” è la rubrica di moda, bellezza e lifestyle di IVG, a cura di Maria Gramaglia. Ogni settimana una passeggiata tra le vetrine dei negozi della nostra provincia, a caccia di novità: un “viaggio” tra le tendenze savonesi a livello di moda, bellezza o arredamento, ma anche tra proposte come gite, corsi o spettacoli a teatro. Clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.