IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Covid, si lavora per “salvare” il Natale. Che sarà comunque “a distanza”

Toti punta a uscire dalla zona arancione entro l'8 dicembre, il governo valuta di eliminare il coprifuoco per il cenone della vigilia

Più informazioni su

Liguria. Se nella nostra regione e nel resto d’Italia l’epidemia sembra iniziare a rallentare, l’orizzonte economico e sociale è sempre più definito: bisogna fare di tutto per salvare il Natale.

“Dipenderà dai dati dell’epidemia. Vedremo dopo la scadenza dell’ultimo Dpcm, il 3 dicembre”, ha spiegato ieri il ministro Francesco Boccia. Che comunque ha promesso “rigore“, perché “la priorità è mettere in sicurezza sul piano sanitario il Paese“. Eppure nel governo si inizia a discutere di un assetto normativo in grado di salvare almeno il cenone della vigilia e quello di Capodanno, posticipando di qualche ora il coprifuoco che adesso scatta alle 22.

I commercianti si stanno organizzando per anticipare la corsa ai regali, prima che la curva dei contagi subisca un’inversione di tendenza in grado di portare a ulteriori restrizioni. D’altra parte hanno fatto discutere ieri le immagini di via XX Settembre a Genova affollata per lo shopping, tanto che il presidente ligure Giovanni Toti è tornato a bacchettare i genovesi, come ai tempi della polemica su via Sestri, spiegando che va bene andare nei negozi ma non va bene lo “struscio” con gli amici.

L’obiettivo di Toti è uscire dalla zona arancione entro l’8 dicembre, festa dell’Immacolata che per tradizione dà il via al periodo natalizio. “Me lo immagino con l’albero di Natale, tanta musica natalizia e spero con gli italiani che hanno voglia di un sorriso dopo tanto dolore, spero con una ripresa dei consumi anche in un momento difficile per i nostri amici commercianti”, si era augurato il presidente ligure cinque giorni fa.

Il Codacons nazionale, intanto, prevede già consumi in calo a 8,55 miliardi di euro (-14,5%), con una perdita che potrebbe sfiorare 1,5 miliardi e toccare anche il settore alimentare, oltre a regali e addobbi per le feste. E’ il prezzo da pagare per uscire il prima possibile dalla pandemia, anche se si riuscisse ad avere qualche ora di serenità.

“Togliere il coprifuoco a Natale? Non ne abbiamo ancora parlato – spiega il ministro delle Politiche agricole, Teresa Bellanova -. Non è questione di essere favorevoli o contrari, si tratta di lavorare e impegnarsi tutti con responsabilità per arrivare alle feste con una condizione sanitaria migliore rispetto a quella di adesso”.

In ogni caso dovrà essere un Natale sobrio, con distanziamento e mascherine, con molti divieti che rimarranno in vigore. Anche se un grosso rischio potrebbe arrivare proprio dalle abitudini tipicamente italiane legate a questa festa: cenoni in famiglia con decine di invitati e viaggi da una parte all’altra del Paese per ritrovare i parenti. Tradizioni che il governo proverà certamente a “scoraggiare”, anche se questo non potrebbe bastare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.