IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, Toti: “Gli anziani a casa con i nipotini creano più danni di chi va a fare shopping”

L'obiettivo è creare una "zona bianca" con maggiori aperture e libertà in vista di Natale

Più informazioni su

Genova. “È inutile che si continui il dibattito” sulla troppa gente in giro. “Anche oggi di 19 decessi solo una persona è sotto i 75 anni. Non vorrei che qualcuno di quelli che mi scrivono ‘Ah, quanta gente c’era in giro oggi a fare shopping stasera stia a casa a cena con i nipotini e faccia più danno di chi è stato in giro a fare shopping oggi pomeriggio. Ognuno si regoli per sé senza fare la morale al vicino di casa, facciamola ognuno per sé che va bene così”.

Parole del presidente ligure Giovanni Toti che, in diretta Facebook al termine della prima domenica di rientro in zona gialla, liquida le polemiche del weekend sulle vie del centro affollate per gli acquisti natalizi. “Vero, c’era tanta gente in giro, ma è la ragione per cui la Liguria è zona gialla, perché ci sia la possibilità di uscire, comprare un pensiero, un addobbo natalizio. È giusto che ci siano persone che vadano a fare quattro passi, l’importante è farlo seguendo le regole che ci siano date con grandissimo scrupolo”. Altrimenti, torna ad avvertire Toti, “torneremo in zona arancione o rossa”.

Domani alle 17 i governatori torneranno a riunirsi in Conferenza delle Regioni e l’obiettivo di Toti – come quello di molti altri colleghi – sarà ottenere più libertà per Natale. L’ipotesi è quella di una “area bianca – la definisce il presidente ligure – dove ci siano ulteriori libertà per cittadini, ristoranti e bar aperti alla sera e penso a qualche altra piccola libertà dove ce lo possiamo permettere. Vedremo quali sono le intenzioni del governo”.

“Riteniamo debba essere un Natale prudente – ha specificato Toti – ma anche, se sarà possibile e dove sarà possibile, mantenendo le differenze tra territori che stanno soffrendo e quelli che ne stanno uscendo, che sia permesso fare qualcosa in più tenendo presente che in tutta Europa stanno ripartendo. Occorre prudenza, ma saranno anche giornate cruciali per l’economia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.