Analisi

Aree Tirreno Power, Melis (M5S): “Centrali a gas vicine ai centri abitati? Dipende delle tecnologie utilizzate”

"Ragionamento che non deve essere viziato dal concetto inglese 'Not In My Back Yard' ossia 'Non nel mio cortile sul retro'"

Nuova industria e lavoro nelle aree Tirreno Power

Vado Ligure. “Il Piano Nazionale integrato per l’energia e il clima (PNIEC) è un documento di indirizzo programmatico del nostro Paese in termini di politica energetica, concertato con l’Unione Europea, che ha preso vita grazie all’adozione, nel 2017, della nuova Strategia Energetica Nazionale (SEN). Su alcuni elementi vale la pena porre attenzione, fra questi la transizione a fonti energetiche green, con un progressivo abbandono delle fonti fossili, in primis il carbone”. A parlare, in una nota, è l’ex consigliere regionale savonese del Movimento 5 Stelle Andrea Melis.

“E’ importante – spiega Melis – però ricordare alcune questioni tecniche che sono imprescindibili, tra cui l’attuale copertura di fonti rinnovabili per i fabbisogni del nostro paese, ancora molto al di sotto del necessario; l’intermittenza delle stesse fonti che per loro natura hanno degli alti e bassi produttivi. Cosa è intervenuto nel frattempo? Il capacity market, ovvero quel sistema compensativo a favore delle centrali elettriche tradizionali, quindi alimentate a gas e in alcuni casi ancora a carbone, che si rendono disponibili a intervenire immettendo energia quando le fonti rinnovabili non sono sufficienti: questo è indispensabile perché la rete elettrica deve avere un costante equilibrio tra immissione energia e utilizzo della stessa. Nel processo di transizione, che traguarda il 2030 come primo importante step di de-carbonizzazione e il 2050 come quasi totale de-carbonizzazione, rimane presente l’utilizzo quale fonte energetica del gas, cui si traguarda di affiancare l’idrogeno trattato in forma green”.

“Del gas ora ci sono nuove tipologie di utilizzo e impatti nelle emissioni estremamente contenuti, ma, volendo sintetizzare il concetto, per alcuni decenni è vi sarà necessità di mantenere sul territorio nazionale un certo numero di centrali alimentate con gas – prosegue l’ex consigliere pentastellato – questo per garantire la necessaria quantità di energia in ogni momento.
Ed è altrettanto facilmente ipotizzabile che diversi produttori avvieranno proposte di transizione delle loro centrali a carbone, passando al gas”.

“Venendo quindi al dibattito locale che si è avviato sull’ipotesi di un raddoppio a gas, perchè un gruppo è già presente ed operativo, della centrale di Vado Ligure di proprietà Tirreno Power, è plausibile che sia in linea con la politica energetica tracciata e che la dislocazione, al netto del preciso luogo fisico, è insita nella necessità di avere un certo numero di centrali disponibili nelle diverse zone in cui è suddiviso il mercato elettrico italiano, oltre che per alcune ragioni fisiche, anche per ragioni di prezzo del mercato elettrico, al netto dei contributi ricevuti  se si aderisce al ‘capacity market’ – conclude Melis -. Credo che il dibattito non possa quindi essere se nel nostro paese ci devono essere ancora centrali a gas o meno, perché a mio avviso la risposta non può che essere affermativa, ma piuttosto se a seconda di determinati parametri e tecnologie utilizzate, tali possano essere localizzate nei pressi di centri abitati. Questo è un elemento corretto di ragionamento politico, ma non deve essere viziato ne dalla preclusione aprioristica, non tecnicamente percorribile, ne dal concetto inglese NIMBY ‘Not In My Back Yard’ letteralmente ‘Non nel mio cortile sul retro'”.

leggi anche
Tirreno Power
Futuro
Tirreno Power, Arboscello (PD): “Ragioniamo senza pregiudizi sul progetto del nuovo gruppo a gas”
Operaio schiacciato, infortunio mortale nelle aree Tirreno Power
Industria
Tirreno Power, Uniti per la Salute: “Chiediamo alle istituzioni di discutere sulla scelta di un nuovo gruppo a turbogas”
sala controllo tirreno power
Transizione energetica
Vado Ligure, Tirreno Power: al via iter progettuale per nuovo impianto a gas
Tirreno Power
Energia
Nuovo impianto a gas Tirreno Power, Europa Verde: “A La Spezia lo osteggiano, a Vado no”
Tirreno Power
Inaccettabile
Nuovo impianto Tirreno Power, PCI Savona: “Inaccettabile, peggiorerebbe la qualità dell’aria”
Tirreno Power
Discussione
Potenziamento Tirreno Power, Vivere Vado: “Confronto anche con le associazioni ambientaliste”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.