IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, oggi il cambio della bandiera sulla torre Malasemenza

Sindaco Tomatis: "I simboli, come la bandiera, non sono fini a sé stessi"

Albenga. Questa mattina, in Piazza San Michele, è stato anticipato l’evento che ogni anno si svolge durante la ‘Festa nazionale della bandiera’. È stato fatto il cambio della bandiera sulla Torre Malasemenza con la collaborazione dei vigili del fuoco per dare occasione ai cittadini di rivedere la propria bandiera sventolare nell’aria prima delle feste natalizie.

Nell’occasione il sindaco Riccardo Tomatis afferma: “I simboli, come la bandiera non sono fini a sé stessi, ma aiutano a recuperare quello spirito di appartenenza e di comunità che soprattutto nei momenti come questi rende forte una città e ci aiuta a essere uniti nei momenti difficili”.

Il vicesindaco Alberto Passino aggiunge: “Voglio ringraziare i vigili del fuoco di Albenga per la collaborazione che da sempre dimostrano alla città e al nostro Comune. La bandiera ha origini antichissime che risalgono alla partecipazione degli Ingauni alla prima crociata e proprio ciò motiva il disegno della Croce rossa sullo sfondo dorato”.

Albenga, prima romana e poi paleocristiana che si affaccia sul mare blu con l’isola Gallinara, era già un Comune nel XII secolo, così come documentato dall’Istituto Internazionale di Studi Liguri. Il 24 settembre del 1104, infatti Baldovino, Re di Giudea e difensore del Santo Sepolcro donò alla chiesa di San Lorenzo di Genova una Piazza in Gerusalemme e in Giaffa, la terza parte di Assur, di Cesarea, di Acri e del territorio circostante, compreso un terzo dei redditi portuali di Acri, oltre a 300 bisanti annui. Il Re promise di comprendere nella donazione le città e le terre che ha acquisito con aiuto genovese, concedendo infine vari privilegi e immunità fiscali, estensibili anche agli abitanti di Savona, Noli, Albenga e alla Casata di Gandolfo Pisano.

Questa la storia, oggi invece capita che un ragazzo abbia selezionato 100 comuni e li abbia messi in competizione sui social solo gareggiando con le proprie “bandiere” a colpi di like ed emoticon. Una curiosità, che però sta riscuotendo molto successo, per chi volesse sostenere Albenga e la sua bandiera, può visitare la pagina Facebook #FunWithFlags, dove i comuni “si sfidano” in una battaglia all’ultimo Click, votando ognuno la propria città e vessillo. Oggi Albenga è tra le prime 16 e giovedì, 26 novembre si svolgeranno i quarti di finale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.