IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, si infiamma la polemica sul caso degli addobbi natalizi

Melgrati sui social prima minimizza e poi rilancia: "Errore della passata amministrazione"

Alassio. La polemica nasce dopo le voci e le indiscrezioni che l’ex assessore Lucia Leone correrebbe il rischio di sborsare di tasca propria la somma spesa in addobbi natalizi, circa 10.000 euro, soldi che la ditta che ha fornito gli addobbi ordinati al tempo in cui l’ex assessore Lucia Leone era in giunta non riuscirebbe ad incassare dal Comune di Alassio.

Una notizia tutta da verificare. La discussione, però, si è spostata sui social, dove Marco Melgrati ha dato il via ai commenti dopo la condivisione di un post. Una vicenda che ha preso la strada delle vie legali ed è ormai finita a carte bollate, pronta a riservare altri colpi di coda velenosi.

Melgrati, rispondendo ad un commento postato sulla sua pagina Facebook da un alassino, replica: “Premesso che della vicenda non ne sapevo nulla, come peraltro non ne sapeva nulla tutta la giunta… Non metto in dubbio la buona fede di Lucia Leone, che sicuramente ha richiesto questo albero, peraltro davanti al suo allora negozio, per abbellire Alassio nel periodo natalizio… Dispiace che dal 2013 al 2018 la giunta Canepa non abbia trovato il modo di regolarizzare questa spesa, magari portandola in consiglio come debito fuori bilancio”.

“Forse fa parte dell’inesperienza amministrativa, ma in Comune ci sono 4 dirigenti che potevano supportare l’amministrazione in carica in quel momento: purtroppo le regole sono ferree e per fare una spesa con i soldi dei capitoli comunali bisogna fare una delibera di Giunta e poi una determina, ma niente di tutto questo è stato fatto… Pensa che io sono stato condannato in primo grado per spese in Regione pari a 3.800 euro in tre anni pur seguendo in maniera corretta una legge regionale, che ammetteva queste spese, e lo dimostrerò nei successivi gradi di giudizio… Già la Cassazione ha riformato il processo di Scialfa e della Fusco con la motivazione che la Procura ha invertito l’onere della prova, nel senso che se queste spese non sono dimostrate come personali sono automaticamente istituzionali; e questo fa giurisprudenza… un po’ di improvvisazione c’è stata, sicuramente Lucia non è l’unica responsabile di quello che è accaduto, ma questa Giunta non può avvallare una spesa che non ha avuto la prassi comunale”.

“Non era il mio sicuramente un attacco personale e il fatto che uno o una pensi di candidarsi come sindaco fra due anni e mezzo sinceramente non mi tocca, anche perchè dovrebbe avere la credibilità per farlo, cosa che io non giudico, ma i cittadini si… Comunque quello fatto è un atto dovuto…”.

“Per quello che riguarda il rilancio della città sicuramente ci stiamo lavorando…” conclude Melgrati, rispondendo al cittadino alassino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.