IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

“Al sexy shop sì, a noi nulla”: l’amarezza di un commerciante savonese escluso dal decreto ristori

Insieme al fratello gestisce un ingrosso di generi alimentari ad Alassio

Mi chiamo Roberto Rinaldi e sono co-titolare assieme a mio fratello Riccardo di un ingrosso di generi alimentari ad Alassio, la “Salfo snc”, presente dal 1976.

Vi scrivo solo perchè continuo a leggere notizie di categorie lavorative non comprese nel decreto ristori e volevo ricordare che anche il nostro codice Ateco non è fra quelli inseriti negli aventi diritto.

Ora, con che criterio possiamo noi non averne diritto, quando siamo direttamente collegati alla stragrande maggioranza dei nostri clienti che sono appunto bar e ristoranti? Se non lavorano loro, noi neanche, no?

E perchè, con tutto il rispetto per i titolari dei sexy shop, loro hanno diritto e noi no?

Mi scuso per lo sfogo ma sono molto amareggiato e non vedo un futuro prossimo roseo.

Distinti saluti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.