IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“A piccoli passi verso la legalità”: ad Alassio studenti e carabinieri collegati con Giovanni Impastato

Fratello di Peppino, giornalista siciliano ucciso da Cosa Nostra

Più informazioni su

Albenga. Questa mattina, ad Alassio, per “A piccoli Passi verso la Legalità” videoconferenza con “Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato”.

A connettersi nella videoconferenza l’assessore alle politiche scolastiche di Alassio Fabio Macheda, il Tenente Colonnello Massimo Ferrari, Comandante della Compagnia Carabinieri, alunni e insegnanti delle scuole medie di Alassio. A promuovere l’iniziativa, la scuola che si è avvalsa del patrocinio del comune di Alassio.

Il Comandante Ferrari ha portato il contributo del Colonnello Federico Reginato Comandante Provinciale Carabinieri di Savona, conoscitore della realtà siciliana, per aver operato in punti nevralgici della Sicilia. Il Comandante della stazione dei carabinieri di Alassio ha voluto portare i suoi saluti agli alunni e agli insegnanti per tramite del Comando territoriale di Alassio.

Dalla Casa della memoria invece un testimone diretto, il fratello di Peppino Impastato, Giovanni, che si è sottoposto e risposto alle domande degli studenti delle medie. Ha raccontato: “I 100 passi sono la distanza tra la casa di Peppino e la casa del capomafia, ma noi li abbiamo riempiti di contenuto. Ad ogni passo c’è una pietra d’inciampo con le frasi di monito: frasi delle vittime di mafia, dell’Iliade ed Eneide e davanti a casa Badalamenti dell’Inferno di Dante. Oltre alla casa e alle pietre di inciampo c’è la casa di Badalamenti, confiscata e assegnata alla ‘Casa della Memoria Felicia e Peppino Impastato’ e le due case sono una di fronte all’altra. L’assessore alle politiche scolastiche Fabio Macheda ha definito questo evento ‘molto coinvolgente per gli alunni e i professori’ e stigmatizzato il rapporto e legame che esiste tra la città e il dottor Impastato (peraltro già in visita alla città di Alassio un paio di anni fa), al punto che Covid permettendo, appena sarà possibile,ci sarà una visita in Sicilia alla Casa della Memoria”.

Ma è anche su temi meno noti e più intimi, come alcuni aspetti di vita quotidiana della madre, che Impastato si è soffermato in questo dialogo con i ragazzi, raccontando di come la sua famiglia si sia dovuta confrontare con il fenomeno mafioso fin da che loro erano bambini. Uno zio, infatti fu ucciso dalla mafia che tentò, in quell’occasione, di far passare l’atto criminoso come un atto terroristico , portando il corpo sui binari del treno. Per gli alunni un appuntamento molto apprezzato e un arrivederci in terra di Sicilia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.