IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

23 novembre 2019, l’allerta rossa che devastò la Liguria fotogallery

La furia degli elementi spezzò in due la provincia, con frane sulle strade che collegano costa ed entroterra. Un weekend infernale che non risparmiò nessuno

Più informazioni su

Un weekend d’inferno, quello del 23 e 24 novembre 2019. La furia degli elementi si abbatté sulla Liguria con la violenza di un Maglio, causando disastri i cui effetti sul nostro territorio si sono trascinati per mesi e, in qualche caso, si avvertono ancora oggi. E’ passato un anno da quella terribile allerta rossa che spezzò letteralmente in due la nostra provincia, con frane su tutte le strade che collegavano il litorale della zona di Savona con l’entroterra. Il temporale iniziò al mattino e, fino al giorno successivo, strinse il savonese in una morsa che non sembrava avere fine. 

allerta meteo rossa 23 novembre alassio

Fin dall’inizio a fare paura furono mari e fiumiAlassio ripiombò in un incubo troppe volte vissuto, con la mareggiata che invase la passeggiata, divorando la spiaggia e danneggiando i locali.

Albenga visse a sua volta una delle sue giornate più difficili: l’acqua allagò (e in qualche caso sommerse) via del Cristo, viale dell’Agricoltura, la Sp39, via Collodi e viale Che Guevara. Gravi allagamenti anche nella zona di Regione Torresi, nel popoloso quartiere di Vadino e a San Fedele e Lusignano. Il sottopasso di piazza Matteotti (stazione) venne chiuso per via degli allagamenti. Per tutto il giorno IVG raccontò cosa stava accadendo, informando gli albenganesi in tempo reale.

Sottopasso Albenga allagato

Ma più in generale problemi si verificarono davvero ovunque: ad Albisola Superiore, Andora, Bergeggi, Borghetto Santo Spirito, Celle Ligure, Millesimo, Murialdo, Ferrania, Finale Ligure, Garlenda, Loano, Stella, Tovo San Giacomo, Giustenice, Vado Ligure, Varazze. A Cairo Montenotte il fiume Bormida arrivò a livelli critici, a Cosseria rimase isolata la frazione di Cornareto, a Borgio Verezzi si verificò una frana in via Barrili, a Quiliano crollò la strada dei Tecci. Le immagini che arrivavano da tutta la provincia erano angoscianti. 

allerta meteo rossa 23 novembre Varazze teiro

A Savona vennero allagate la zona di Santuario, via Grassi, via Busserio e via Belloro; vennero chiuse al traffico via Guidobono e via XX Settembre. Il Comune lanciò un appello ai cittadini a non uscire di casa ed emanò una ordinanza di chiusura dei negozi. Con i ponti sul Letimbro chiusi, la città venne spezzata in due: l’unico modo per attraversarla era l’autostrada. E in città scoppiò la polemica.

La strada del Colle del Melogno venne chiusa per frana (fango e neve avevano invaso la carreggiata). A Dego esondò il Bormida, mentre la furia degli elementi distruggeva il campo sportivo. a Pietra Ligure a fare paura fu il Maremolatra Borghetto e Loano esondò il rio CasazzaA Urbe chiuse per frana la Sp40, mentre a Roccavignale una frana si abbatté sulla Sp28bis.

Ad Albisola Superiore esondò il Rio Basco e fu necessario procedere con le evacuazioni. A Spotorno invece si sviluppò un principio di incendio ai bagni KinkaAnche treni e autostrade andarono in tilt (il maltempo causò anche un incidente sulla A10 tra Varazze e Celle ligure). E con la notte le cose non migliorarono: l’allerta rossa venne prolungata e quella di domenica 24 novembre fu una giornata altrettanto difficile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.