IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Varazze, Natrella: “L’ambiente è motivato, bisogna abituarsi alla nuova categoria” risultati

Il dirigente del settore giovanile promuove il collettivo: "Deve essere il nostro punto di forza"

Celle Ligure. La prima partita casalinga di campionato giocata dal Varazze Don Bosco non ha avuto un esito positivo per la formazione allenata da Gianni Berogno, superata per 2 a 1 dal Taggia, debuttante in Eccellenza.

Yy

I giallorossi, dopo essere andati sotto per il rigore trasformato da Guerrieri, hanno immediatamente pareggiato, per poi segnare il gol vittoria nel secondo tempo. Massimiliano Natrella, dirigente del settore giovanile del Varazze Don Bosco, commenta così la partita: “Per come sono andate le cose ci poteva stare benissimo anche un pareggio perché la partita l’ho vista abbastanza caotica, soprattutto nel secondo tempo. Per noi è un peccato, perché per quello che si sta facendo all’interno della società è importante cercare di riuscire in questa categoria. Però siamo agli inizi e sicuramente abbiamo ancora del tempo per poter recuperare questi risultati. I ragazzi sono motivati, l’ambiente è motivato. Bisognerà un po’ abituarsi anche alla nuova categoria“.

La società si affaccia dopo tanti anni di nuovo in questa categoria che è la categoria regina dei dilettanti – prosegue Natrella – e quindi si paga un po’ questo scotto dell’inesperienza. Comunque bisogna dar merito al mister che ci sono tanti giovani che si affacciano per la prima volta in questo categoria, quindi c’è anche una politica da parte della società di puntare sui giovani del vivaio“.

Relativamente ai migliori in campo, Natrella indica “tra gli ospiti il giocatore che più mi ha impressionato, ma non è una novità, è stato Miceli, che poi è stato anche il match winner. Nel Varazze sono stati tanti i giocatori che mi sono piaciuti, soprattutto per l’impegno; non mi sento in grado di premiarne uno. C’è stato un buon collettivo e il collettivo deve essere il nostro punto di forza“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.