Mobilitazione

“Stanchi e nauseati”, al San Martino il personale sanitario protesta davanti al pronto soccorso

Oggi alle ore 14.00: "Giocano sulla nostra pelle, ora basta"

ambulanza covid san martino coronavirus pronto soccorso contagio ricovero

Liguria. Stanchi dei ritmi dettati dall’emergenza, precettati e nauseati da una politica sanitaria regionale che vieta loro di riprendere le forze per affrontare al meglio la nuova ondata Covid, il personale del pronto soccorso dell’ospedale San Martino si mobilità per sensibilizzare le istituzioni regionali, la politica e l’opinione pubblica per difendere la propria salute e la propria sicurezza all’interno del luogo di lavoro.

Per oggi alle ore 14.00 è stata organizzata una vera e propria protesta davanti al pronto soccorso del nosocomio genovese, dopo giorni di forte stress lavorativo e organizzativo legato al sovraccarico di pazienti e che vedrà protagonista tutto il personale infermieristico e gli operatori sanitari.

“È facile fare i duri e puri sulla pelle degli altri, così i lavoratori del pronto soccorso dicono basta con un’azione di protesta” afferma in una nota la Uil-Fpl, che sostiene l’iniziativa di protesta.

E negli ultimi giorni non sono mancate dure prese di posizione da parte dei sindacati di categoria sulla situazione del personale sanitario impegnato nella nuova fase emergenziale negli ospedali liguri, al quale è stato imposto lo stop delle ferie e altre disposizioni da parte delle autorità sanitarie regionali.

leggi anche
coronavirus ospedali mascherine operatori sanitari medici infermieri generica
Risposta
Emergenza Covid negli ospedali: in arrivo oltre 500 infermieri e 40 operatori sanitari

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.