IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, il Covid manda la scuola in tilt: si moltiplicano i casi di classi e professori in quarantena

Il liceo Chiabrera-Martini, il Boselli-Alberti, il Giuliano Della Rovere e diversi altri: ormai è allarme all'ombra della Torretta

Savona. I contagi da Covid-19 stanno preoccupando tutto il nostro Paese e purtroppo, anche a Savona la situazione si sta aggravando sensibilmente. In queste settimane abbiamo raccontato dei primi casi di positività nei vari istituti della provincia, ma le notizie delle ultime ore ci hanno messo di fronte ad uno scenario davvero teso. Come ormai è noto, quando un docente oppure un ragazzo scoprono in seguito ad un tampone di essere positivi al Sars-Cov-2, l’intera classe viene costretta alla quarantena, con conseguenti disagi per le altre sezioni dell’istituto e addirittura anche per altri plessi.

“Oggi mi sono presentato in classe apprendendo la notizia di avere diversi professori bloccati a casa per colpa del virus” recitava questa mattina l’ultima di una serie di segnalazioni simili. In effetti ulteriori testimonianze hanno messo in luce una situazione a tratti paradossale, con studenti che scoprono di essere rimasti senza il proprio docente a poche ore dall’inizio delle lezioni. Alcuni insegnanti scelgono di collegarsi da casa per limitare il disagio, creando però un ibrido tra la didattica in presenza e quella a distanza, metodologia bocciata quasi all’unanimità dagli alunni interessati.

Come fare quindi? All’istituto Boselli-Alberti per esempio al momento sono quattro le classi ad essere in quarantena, con diverse aule che corrono il serio rischio di svuotarsi in caso di nuove positività. Non se la passa affatto meglio il liceo Giuliano Della Rovere, alle prese con i dieci giorni di isolamento fiduciario di minimo altrettante classi.

Questo comporta diversi grattacapi anche per il Chiabrera-Martini, dove a preoccupare maggiormente i ragazzi non è il Covid (solo un’aula all’interno dell’istituto è rimasta deserta a causa di un giovane affetto dal virus), ma la situazione relativa ai propri docenti. Diversi sono infatti gli insegnanti in comune tra l’istituto di Via Caboto e quello di Via Monturbano, coincidenza che sta provocando alcune defezioni anche tra le mura dell’ex Nautico.

Ultima ma non per questo meno importante è la situazione del liceo artistico Arturo Martini: al momento sono tre le classi in isolamento tra quelle che abitualmente frequentano i locali di Via Aonzo, con il rischio però che nei prossimi giorni questo dato aumenti.

Il Covid, insomma, sta diffondendosi rapidamente anche negli edifici scolastici savonesi. Così come in quelli di tutta Italia. E gli studenti continuano a puntare il dito sul sovraffollamento dei mezzi pubblici: dopo le ripetute proteste dei giorni scorsi, questa mattina ad Albenga davanti al liceo Bruno (un altro di quelli “critici”, con ben 11 classi in quarantena) sono di nuovo comparsi striscioni contro la situazione dei bus. “Sul pullman come in un pollaio e noi non ci stiamo”, recitava uno striscione.

“Nessuno ci fornisce il numero adeguato di pullman – recita una nota redatta dagli alunni – I trasporti si sono rivelati la vera falla di questo sistema: il fatidico 80%, che dovrebbe essere la capienza massima da non superare nei mezzi pubblici, non risulta mai essere rispettato per l’esiguità dei pullman. In tali condizioni basterebbe un singolo positivo sull’autobus per contagiare un gran numero di pendolari, i quali poi contagerebbero a loro volta tutti i compagni di classe”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.