IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Risarcimenti per la mareggiata 2018, balneari di Varazze nel mirino della procura: si indaga per truffa ai danni dello Stato

L'obiettivo degli inquirenti è stabilire se i danni dichiarati dai balneari nelle richieste di risarcimento coincidano con quelli effettivamente patiti

Provincia. Truffa ai danni dello stato. E’ questa l’ipotesi di reato che, quest’oggi, ha portato la Direzione Investigativa Antimafia di Genova ad acquisire alcuni documenti depositati presso la Camera di Commercio di Savona e la sede della protezione civile di Genova su provvedimento della procura di Savona.

E alla base del provvedimento ci sarebbe l’ipotesi di una truffa ai danni dello Stato messa in piedi da alcuni balneari, in particolare della zona di Varazze, per i danni della mareggiata dell’autunno 2018.

Si tratta di un “accesso agli atti” puramente conoscitivo: l’obiettivo degli inquirenti è stabilire se i danni dichiarati dai balneari nelle richieste di risarcimento coincidano con quelli effettivamente patiti e dunque se i fondi erogati siano “correttamente proporzionati” rispetto alle reali esigenze.

In questa fase non è dato sapere, ovviamente, su quali stabilimenti siano concentrati i sospetti degli inquirenti. A presentare richiesta di risarcimento sono state in totale 12 aziende: Paolina Five Sas (per 208 mila euro); Bagni Elena (per 227 mila euro); Bagni Rosso Perù (per 269 mila euro); Bagni Santa Caterina (per 292 mila euro); Bagni Roma (per 156 mila euro); Bagni Mafalda Royal (per 295 mila euro); Bagni Diana (per 146 mila euro); DM (per 61 mila euro); Alla Mola (per 56 mila euro); Consorzio Oltremare (per 270 mila euro); Bagni Pinuccia (per 26 mila euro); Bagni Paolina (per 171 mila euro). Tutte le domande sono state ammesse.

Il fascicolo, per il momento carico di ignoti, è in mano al pubblico ministero Claudio Martini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.