IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra Ligure, Mario Pisano: “Lavorare a testa china e con l’atteggiamento giusto paga” risultati fotogallery

Il tecnico biancoceleste plaude la sua squadra: "Siamo stati bravi a difenderci in maniera ordinata, con tenacia, orgoglio e determinazione"

Pietra Ligure. Pronto riscatto del Pietra Ligure che, sette giorni dopo la sconfitta subita in rimonta per mano dell’Albenga, rifila un 3 a 0 alla Genova Calcio, fornendo un’ottima prestazione.

Mister Mario Pisano commenta così l’incontro: “La partita è stata molto difficile e combattuta, contro una squadra forte come la Genova Calcio e soprattutto ben allenata come tutte le squadre di Beppe Maisano. Noi venivamo da una partita complicata contro l’Albenga, che forse a livello psicologico un po’ di scorie può avercele lasciate, perché ci ha dato veramente fastidio il modo in cui è maturata la sconfitta di domenica scorsa”.

“In settimana, per via di qualche defezione, abbiamo dovuto cambiare qualcosa – spiega il tecnico biancoceleste -. Ci mancavano diversi giocatori, basti pensare che ci mancavano Praino, Szerdi e Anselmo, un difensore, un centrocampista e un attaccante tra i migliori nel ruolo. Però ci siamo arrangiati alla grande, abbiamo apportato qualche cambio; qualche giocatore ha fatto l’esordio stagionale, ad esempio Fabio Rossi e Filippo Pili, che hanno esordito in contemporanea dal primo minuto; non è mai facile quando cambi la coppia di difensori centrali”.

“Al di là dei singoli, perché ci sarebbe da parlare di tutti, la squadra ha fatto un’ottima gara – analizza Pisano -. L’avversario era forte, non lo abbiamo assolutamente sottovalutato, anzi, forse siamo stati anche bravi a metterlo in condizione di non esprimere al meglio il proprio gioco. La partita è stata contratta, come tutte le partite di questo campionato, dove si affrontano squadre equilibrate, dove l’equilibrio viene rotto da una giocata, da una situazione, da un episodio. Secondo me i primi dieci minuti la Genova Calcio ha fatto meglio di noi, poi siamo stati bravi a difenderci in maniera ordinata, a non rischiare praticamente nulla“.

“Poi – prosegue – abbiamo iniziato a macinare gioco. Pensavamo potessero venire a prenderci con le due mezzali in modo più aggressivo, mentre invece poi abbiamo visto che in inizio azione c’era un pochettino più di spazio e con Vejseli e Genta, insieme a Rossi e Pili da dietro, abbiamo iniziato a muovere la palla nel modo giusto, abbiamo trovato degli spazi anche in ripartenza, e il primo tempo siamo stati bravi perché abbiamo avuto due palle gol, una, sul lancio illuminante di Genta, Gaggero ha attaccato lo spazio coi tempi perfetti e ha anticipato l’uscita di Dondero, l’altra sempre Gaggero su un lancio di Pili è andato in porta, ha vinto l’uno contro uno, e poi ha calciato di esterno. Sono contento per Gaggero perché in settimana l’avevo proprio criticato dicendogli che non si ricordava più come attaccare la profondità e ha fatto due gol in quella maniera, quindi mi ha smentito subito. Ci sono state altre due occasioni da gol importanti e un rigore sbagliato dallo stesso Gaggero”.

Nel secondo tempo, devo dire la verità, molto meglio la Genova Calcio, per due fattori: uno tattico, sono stati bravi a venirci a prendere in maniera più aggressiva, e il secondo probabilmente per un po’ di braccino da parte nostra. Però ci siamo difesi con tenacia, con orgoglio, con determinazione, chiudendo bene tutti gli spazi. La Genova Calcio è stata pericolosa, se avesse fatto gol non avrebbe rubato assolutamente nulla, però sappiamo com’è il calcio: siamo stati bravi e anche un pizzico fortunati ad evitare il gol dell’eventuale 2 a 1 che avrebbe riaperto la partita e abbiamo portato a casa questa gara. Quindi siamo contenti, sappiamo che abbiamo lavorato nel modo giusto e che giustamente quando lavori a testa china con l’atteggiamento giusto il lavoro paga” conclude l’allenatore del Pietra Ligure.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.