IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Misure anti-Covid a Loano, Nappi (Italia Unita): “Eccessiva rigidità mette a rischio l’economia locale, pronti allo sciopero fiscale”

"Entro fine ottobre il nostro programma sarà pronto e abbiamo già iniziato a lavorare alla lista"

Loano. “Mi auguro che, in tema di misure anti-Covid, il sindaco Pignocca sia di ampie vedute. Un inasprimento delle restrizioni potrebbe comportare la chiusura di altre attività commerciali. E dal punto di vista della tenuta economica e turistica il danno sarebbe gravissimo. L’amministrazione non se lo può permettere. Se così fosse, però, siamo pronti a farci promotori, tra le attività commerciali, di uno sciopero fiscale. Senza tessuto economico la città muore, i commercianti meritano rispetto”. E’ pronto a dissotterrare l’ascia di guerra Francesco Nappi, candidato sindaco di Loano alla guida della lista di Italia Unita.

Parlando proprio di misure anti-Covid, giusto ieri IVG.it ha dato notizia della triplice multa inflitta dalla polizia locale di Loano ai genitori di altrettanti ragazzi sorpreso nella zona di piazza Italia “in assembramento” e senza le mascherine obbligatorie previste dal governo. Un governo che, secondo Nappi, ha trovato un appoggio a dir poco insospettabile come quello del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti: “Durante la campagna elettorale delle regionali, Toti si era posto in aperta opposizione al governo giallo-rosso; ora, invece, pare essersi allineato e condividere ciò che viene detto a Roma”.

E proprio le affermazioni di Toti hanno lasciato Nappi perplesso in più di un’occasione: “Ho cercato di comunicare con il governatore tramite social-network. In tanti casi l’ho visto rispondere ai commenti degli utenti; a me, invece, non ha mai risposto, né come privato cittadino né come esponente di un movimento politico nazionale. Come ha sottolineato Massimo Cacciari da Bianca Berlinguer, le Regioni devono comunicare non solo il numero di contagi e decessi da Covid-19, ma anche le cause di questi decessi. Altrimenti si creano zone d’ombra che non fanno altro che alimentare il terrore psicologico. E sorgono molte domande. Come quella che io vorrei rivolgere a Regione e amministrazioni locali: in questo contesto, dove finisce l’emergenza sanitaria e dove comincia il ‘gioco’ economico?”.

Tornando alle amministrative loanesi del prossimo anno, Nappi conferma che “entro fine ottobre il nostro programma sarà pronto. E anche per quanto riguarda la composizione della lista abbiamo già avuto la disponibilità di alcune persone, delle quali poi renderemo noti i nomi. Ma il nostro gruppo è pronto ad accogliere chiunque voglia mettersi in gioco in prima persona per fare il bene della città e della sua comunità. Nell’ultimo periodo abbiamo parlato con molte persone che, secondo noi, hanno le caratteristiche per contribuire al nostro progetto, ma per ragioni diverse è stato impossibile intavolare un dialogo costruttivo. In diversi casi ci siamo imbattuti in una sorta di ‘nepotismo’ nei confronti dell’attuale amministrazione e ciò aumenta le difficoltà di formare la squadra. Chi volesse unirsi al nostro gruppo può contattarmi al numero 392.387.0942”.

Nappi presenterà il programma in una serata che, secondo i piani, dovrebbe tenersi entro la fine del mese: “Invito tutti i loanesi a partecipare e darci la possibilità di farci conoscere. Personalmente, vorrei solo avere la possibilità di dimostrare chi sono e quali siano le mie idee”.

E parlando di appuntamenti, la prossima settimana Nappi incontrerà a Palazzo Doria il sindaco Pignocca: “Insieme parleremo delle ultime misure varate a livello nazionale. Il tema dell’emergenza sanitaria è tra quelli che più ci sta a cuore. In questo senso, i media non aiutano: se in altri paesi, come la vicina Germania, gli organi di informazione danno all’emergenza sanitaria lo spazio che merita (non troppo) per evitare di non allarmare la popolazione, qui da noi tutti i giornali dedicano decine di pagine al Covid, creando solo allarmismo. Anche per questo Italia Unita, insieme con Italia Sovrana, sta organizzando una grossa manifestazione a Milano alla quale sarà presente anche il professo Pasquale Mario Bacco. Confidiamo in una grande partecipazione. Il nostro desiderio è che il popolo torni a comandare la politica e che non sia la politica a comandare il popolo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.