IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’infezione da Covid come “infortunio sul lavoro”, accordo tra Inail e Asl2 per la riabilitazione dei pazienti

I casi accertati di infezione in occasione di lavoro sono tutelati dall’Inail quale infortunio sul lavoro per i soggetti e le attività assicurate

Più informazioni su

Provincia. L’Asl2 savonese e l’Inail hanno sottoscritto un protocollo finalizzato ad attivare un progetto sperimentale di collaborazione per l’erogazione, da parte di Asl2, di prestazioni riabilitative agli infortunati colpiti da Covid-19.

L’infezione da Covid-19 in tutta la Liguria ha colpito (al 30 giugno 2020) oltre 20.000 persone di cui quasi 2.500 in occasione di lavoro. L’articolo 42 (comma 2) del decreto legge numero 18 del 17 marzo 2020 prevede, tra l’altro, che i casi accertati di infezione in occasione di lavoro sono tutelati dall’Inail quale infortunio sul lavoro per i soggetti e le attività assicurate.

Nei soggetti affetti da Covid-19, soprattutto quelli per cui si è reso necessario il ricovero ospedaliero, sono possibili ripercussioni non solo a carico dell’apparato cardiovascolare e respiratorio (che rappresentano quelli maggiormente compromessi dall’infezione) ma anche a carico di numerosi altri organi ed apparati, con quadri clinici variabili, compresi gli aspetti psicologici, che possono necessitare di programmi personalizzati di riabilitazione da inquadrare, pertanto, in un’ottica multidisciplinare.

L’Asl2 ha avviato la “presa in carico tempestiva “per la riabilitazione di pazienti guariti da Covid-19 al fine di massimizzare e accelerare il recupero funzionale per un più efficace reinserimento nell’ambiente di vita e di lavoro.

Dato che l’Inail è ente di erogazione di prestazioni sanitarie, che affianca ed integra il Servizio Sanitario Nazionale, perciò è intento comune di Inail ed Asl2 agire “in una logica di rete, coordinando le proprie attività e realizzando sinergie che comportino un miglioramento delle prestazioni rese ai cittadini, in una ottica di razionalizzazione e di appropriatezza dei rispettivi ambiti di intervento”.

Da qui la decisione di stendere un protocollo d’intesa “finalizzato ad attivare un progetto sperimentale di collaborazione per l’erogazione, da parte di Asl2, di prestazioni riabilitative agli infortunati colpiti da Covid-19, al fine di perseguire il massimo e tempestivo recupero funzionale degli assistiti ed ottimizzare la gestione delle risorse”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.