IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Legino, Piero Carella: “L’arbitro ha sorvolato su due rigori e un’espulsione” risultati

Il numero uno verdeblù pone l'attenzione su alcuni episodi discussi, rimarcando inoltre le tre assenze importanti

Savona. Prima sconfitta in campionato per il Legino, superato al Ruffinengo per 2 a 1 dal Ventimiglia. La formazione savonese è partita male e per il primo quarto d’ora è persa in balia degli avversari; poi però ha preso le misure ai frontalieri giocando alla pari contro una delle favorite del torneo. Alla fine i verdeblù possono anche recriminare per qualche episodio.

Legino-Voltrese

Ed è proprio su questi ultimi che si concentra l’analisi del presidente Piero Carella: “Invito chi ha visto la partita ad analizzare tre/quattro episodi che ci hanno lasciato con la bocca aperta, perché c’è stato un fallo da ultimo uomo non sanzionato con il rosso, ci sono stati due rigori visibili da cinquanta metri, l’arbitro ha sorvolato e alla fine la risposta è che anche lui può sbagliare. Sono risposte che mi innervosiscono ancora di più: non mi dire niente e sono più contento”.

“Riguardo alla partita – prosegue Carella – loro hanno avuto i primi venti minuti abbastanza buoni, poi noi abbiamo preso le misure ed ecco che siamo riusciti ad andare a pareggiare il loro gol su una bella azione di Tobia che è stato atterrato in area di rigore. Nel secondo tempo hanno trovato un rigore anche loro, dopodiché noi abbiamo fatto un arrembaggio fino al novantesimo catturando due rigori che non ci hanno dato e purtroppo abbiamo perso la partita. C’è anche da rimarcare, anche se questi ragazzi hanno dato il 100%, che ci mancavano pedine importanti come Romeo, Rinaldi e Noto, che per noi sono un po’ l’ossatura della squadra”.

“Riguardo al nostro obiettivo – conclude il presidente leginese – noi siamo una società tranquilla e serena al di fuori del campo; nel campo siamo un po’ meno sereni e più grintosi. Noi viviamo alla giornata: quello che viene prendiamo, sappiamo di avere un buon gruppo e di avere un buon allenatore. Ogni partita purtroppo ha storia a sé, in queste categorie è così. Però tante volte la differenza in certe partite la fanno gli arbitri. Avendo visto le due partite, analizzando anche gli infortuni che abbiamo, tre punti in due gare ci possono stare, però quattro forse erano meglio“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.