IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La ceramica a casa durante il lockdown: a Palazzo Gavotti le opere del progetto #casalaboratorio evento

L’idea di #casalaboratorio è stata quella di stimolare, attraverso l’arte, una più profonda riflessione sul concetto di casa

Savona. Venerdì 9 ottobre alle 18.30 nella sala conferenze di Palazzo Gavotti a Savona si terrà la presentazione dei risultati del progetto laboratoriale #casalaboratorio organizzato durante il lockdown. Al termine della presentazione sarà possibile scoprire le casette in ceramica realizzate dai partecipanti al progetto che, per l’occasione, saranno allestite in dialogo con la collezione del Museo della Ceramica di Savona. Alla presenza di Franco Raggi (designer e architetto) e Marco Berbaldi (Caritas Diocesana Savona-Noli).

Durante il lockdown anche i musei sono rimasti chiusi, ma il Museo della Ceramica di Savona è stato vicino al proprio pubblico raggiungendolo a casa con il progetto #casalaboratorio. L’iniziativa ha previsto la consegna, presso le abitazioni degli interessati, del kit con tutti i materiali necessari a tradurre in ceramica la propria idea di casa. Lo staff del laboratorio museale ha seguito la lavorazione delle casette da parte dei partecipanti incontrandoli regolarmente su “Hangouts Meet” e pubblicando sulle piattaforme digitali brevi tutorial dedicati alle principali tecniche di lavorazione dell’argilla.

L’idea di #casalaboratorio è stata quella di stimolare, attraverso l’arte, una più profonda riflessione sul concetto di casa: lo spazio nel quale per mesi siamo stati costretti a restare per proteggerci dal contagio è diventato rifugio, luogo del calore familiare, ma anche ambiente di studio e lavoro.

L’architetto e designer Franco Raggi, autore dell’opera “Architettura Divisa, Casette” esposta al Museo della Ceramica e fonte di ispirazione per questo progetto, ha inaugurato l’attività di #casalaboratorio condividendo con noi le sue riflessioni sul tema della casa durante una lunga conversazione via Skype.

#casalaboratorio ha coinvolto più di 100 partecipanti tra bambini, ragazzi, adulti e ceramisti che hanno realizzato circa 200 casette in ceramica. Tra loro si annoverano alcuni ospiti dello Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) della Caritas Diocesana Savona-Noli e alcuni studenti del Campus Universitario di Savona (Università di Genova) che, a causa dell’emergenza dovuta al Covid-19, hanno dovuto alloggiare al Campus per tutto il periodo del lockdown.

Il progetto è stato ideato e realizzato dal Museo della Ceramica in collaborazione con Alessio Cotena e Marco Isaia di LaboratorioL. Per maggiori informazioni e materiale stampa chiamare il numero 3409363059 o inviare una mail a comunicazione@museodellaceramica.savona.it #casalaboratorio fa parte del progetto “Inversioni”, vincitore del bando “I Luoghi della Cultura 2019” di Fondazione Compagnia di San Paolo, ed è stato realizzato con il sostegno di: Fondazione Compagnia di San Paolo e Fondazione De Mari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.