IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Liguria del Gusto

La bottarga: prodotta in Sicilia, Sardegna e Toscana, ma dal “sapore ligure”

"Liguria del gusto e quant'altro" è la rubrica gastronomica di IVG, ogni lunedì e venerdì

Più informazioni su

Bottarga, bottarega, chiamatela come vi piace di più, ma alla fine è la stessa antica cosa: l’ovario del pesce femmina salato ed essiccato, un procedimento che, stando alle fonti, risale ai fenici. Non tutti i pesci femmina sono adatti a produrre (purtroppo per loro) questa prelibatezza, ma due in particolare sono stati elevati, nel corso dei secoli, ad eccellenze: il muggine (il cefalo, in lingua comune) e il tonno.

E’ una eccellenza prodotta in Sicilia (provincia di Trapani, in primo luogo), Sardegna e Toscana. Cosa c’entra, quindi, con il gusto ligustico? C’entra, c’entra. Per prima cosa perchè le tonnare, siano quelle siciliane di Favignana, appartenuta ai genovesi Pallavicini, sia quelle di Carloforte, organizzate dai genovesi deportati da Tabarca, isola Tunisina un tempo colonizzata dai genovesi di Pegli, erano in mano ai mercanti genovesi che avevano il monopolio del tonno (e di molto altro) nei commerci mediterranei verso il nord Europa.

La tecnica di produzione, come detto antica, è teoricamente semplice: la sacca ovarica viene estratta dal pesce femmina e facendo attenzione a non romperla, è lavata per eliminarne le impurità e poi sottoposta a salatura, pressatura e stagionatura. Un “sacchetto” di cera d’api ne garantiva la lunga conservazione anche bordo dei velieri. La bottarga di tonno ha un colore che varia dal rosa chiaro a quello scuro, mentre quella di muggine ha un colore ambrato. Anche le pezzature variano. La baffa di un tonno di oltre 100 chili può superare il chilo di peso, mentre non superano i 400 grammi quelle di muggine.

La bottarga (grande valore proteico), un tempo cibo quasi di scarto, andava ad arricchire, tagliata a fettine sottili, insalate (condijun in primo luogo), paste, semplicemente accompagnate da una galletta, un cibo popolare. Non oggi, con costi elevati. Si accompagna ad un bianco, vermentino o bianchetta, troppo impegnativo il pigato.

“Liguria del gusto e quant’altro” è il titolo di questa rubrica curata da noi, Elisa e Stefano, per raccontare i gusti, i sapori, le ricette e i protagonisti della storia enogastronomica della Liguria. Una rubrica come ce ne sono tante, si potrà obiettare. Vero, ma diversa perché cercheremo di proporre non solo personaggi, locali e ricette di moda ma anche le particolarità, le curiosità, quello che, insomma, nutre non solo il corpo ma anche la mente con frammenti di passato, di cultura materiale, di sapori che si tramandano da generazioni. Pillole di gusto per palati ligustici, ogni lunedì e venerdì: clicca qui per leggere tutti gli articoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.