IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Granfondo Ceriale: il laziale Pisani precede il tedesco Steffens, arrivo in solitaria per Chiodi risultati

Al via presenti Claudio Chiappucci, Davide Rebellin e Andrea Noè; 267 gli atleti classificati

Più informazioni su

Ceriale. Una bella domenica autunnale rivierasca, con sole e temperature miti, sebbene un po’ disturbata dal vento, è ciò che hanno incontrato a Ceriale i circa trecento ciclisti, dei trecentocinquanta iscritti, che si sono presentati, domenica 11 ottobre, nelle griglie di partenza della seconda edizione della Granfondo Ceriale.

Un parterre di eccellenza, con i nomi più altisonanti del granfondismo nazionale, tanto che un pronostico per la vittoria non è mai stato scontato. Non sono certo mancati nemmeno i grandi nomi del ciclismo, di ieri e di oggi, così, a pedalare assieme ai tanti cicloamatori, c’erano anche Claudio Chiappucci, Davide Rebellin e Andrea Noè.

Le danze le apre subito il laziale Vincenzo Pisani che tenta la fuga sulla salita verso Carpe, ma viene presto ripreso da un drappello al cui interno ci sono i migliori di giornata. Sono le rampe verso il Colle del Quazzo che definiscono i lineamenti della corsa, quando il battistrada si assottiglia e in testa rimangono Pisani, il tedesco Alexander Steffens e l’imperiese Manuele Caddeo, tornato, “per caso”, alle corse.

Dietro, ad inseguire a oltre un minuto e mezzo, un drappello di cinque atleti, tra cui il toscano Federico Pozzetto, già vincitore delle due tappe precedenti del Trofeo Loabikers. Il toscano ci prova e impone il suo ritmo al gruppo degli inseguitori e, seppur portando il gap ad un solo minuto, non riesce nel ricongiungimento.

La testa della corsa, dopo avere collaborato anche sul San Bernardino, non può che presentarsi in volata sul lungomare di Ceriale, dove Pisani si impone sul tedesco, mentre Caddeo li lascia fare.

Tra le donne dominio di Gioia Chiodi, che fin dalle prime battute si pone in testa alla gara femminile rendendosi imprendibile dal drappello di avversarie che, unite, la tallonano. Salita dopo salita, mentre Chiodi aumenta il vantaggio, nelle retrovie il gruppetto si sfalda e restano a inseguire la battistrada solo la cuneese Federica Morano e la postina piacentina Mara Manfredi. Mentre Gioia passa il traguardo indisturbata a braccia alzate, è volata tra le inseguitrici dove Morano regola Manfredi.

Tra le società dominio indiscusso della torinese Rodman Azimut Squadra Corse, che sale sul primo gradino del podio accompagnata dal Gs Passatore di Cuneo e dalla savonese Bicistore Cycling Team.

Il Trofeo Loabikers dà appuntamento a domenica 25 ottobre a Diano Marina, per la Granfondo Diano Marina – Memorial Goffredo Bonifazio, valevole come penultima prova del circuito.

Al traguardo sono giunti 267 atleti. Ecco i primi 10 classificati:
1° Vincenzo Pisani (Asd Capitani Minuterie Metalliche Cycling Team) 2:29:27.864
2° Alexander Steffens (Magnesium Pur) 2:29:28.113
3° Manuele Caddeo (Team Senzabicinonsostare) 2:29:30.110
4° Federico Pozzetto (Falasca-Mg.K Vis-Luxor) 2:31:29.840
5° Pascal Bousquet (Gs Bicisport Ospedaletti) 2:31:30.339
6° Mattia Magnaldi (Ppr Cycling Team) 2:31:30.589
7° Fabio Cini (Asd Capitani Minuterie Metalliche) 2:31:37.094
8° Pietro Dutto (Famiglia Basso Bikes) 2:31:53.334
9° Alain Seletto (Gs Bicisport Ospedaletti) 2:31:54.083
10° Matteo Crosa Lenz (Dynatek-Work Service) 2:31:55.081

Le prime 10 classificate tra le 30 donne in gara:
1ª Gioia Chiodi (Vivi-Somec) 2:55:21.018
2ª Federica Morano (Gs Passatore) 3:01:44.217
3ª Mara Manfredi (Vivi-Somec) 3:01:45.325
4ª Eleonora Mele (Team Equa) 3:03:36.319
5ª Matilde De Sciora (Asd Rodman Azimut Squadra Corse) 3:03:36.320
6ª Elena Pancari (Team Loda Millennium) 3:03:43.807
7ª Veronica Pardini (Asd Rodman Azimut Squadra Corse) 3:04:22.059
8ª Sabrina De Marchi (Vivi-Somec) 3:07:36.029
9ª Mara Tonoli (Vivi-Somec) 3:10:38.518
10ª Erica Viana Lima (Asd Rodman Azimut Squadra Corse) 3:12:14.489

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.