IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure, il 3 novembre la protesta dei ristoratori in piazza: “Dobbiamo far sentire la nostra voce”

Autorizzata l'iniziativa di una 19enne che ha visto i genitori chiudere per sempre il proprio locale

Più informazioni su

Il sit-in di protesta in piazza Vittorio Emanuele a Finale Ligure per “difendere i diritti dei ristoratori”, organizzata dalla figlia di una coppia titolare di uno dei ristoranti colpiti gravemente dalla crisi legata all’emergenza Covid, si terrà martedì 3 novembre, sempre alle ore 11.00: l’autorizzazione per l’iniziativa è arrivata, dopo che nella giornata di ieri c’era stato un rinvio.

“Ieri ho incontrato il sindaco e il comandante della polizia municipale, che mi hanno dato la massima disponibilità a fornire tutte le indicazioni necessarie a permettermi di organizzare una manifestazione che rispetti le regole, sia a livello di sicurezza quanto a livello sanitario” ribadisce la 19enne promotrice della protesta.

“La determinazione tra di noi è tanta e vogliamo a tutti i costi fare arrivare un messaggio forte e chiaro attraverso questa manifestazione che si differenzierà da tutte le altre – aggiunge -. Presso il Bar Colets in via Garibaldi, di fronte alla gelateria Il Dattero, troverete una cassetta nella quale potrete mettere un bigliettino che rappresenterà la vostra presenza/voglia di aderire (1 biglietto=1 persona). Questo servirà (ovviamente in modo facoltativo) per dimostrare il numero di persone disposte ad aderire”.

“Per le adesioni potete scrivermi tutti su Facebook o whatsapp. I partecipanti dovranno fornirmi il proprio nominativo che verrà inserito nella lista. Nel caso in cui i biglietti superassero la capienza massima che potranno partecipare fisicamente, verremo tutti rappresentati, dando priorità ai commercianti ma sottolineando le persone che si sarebbero realmente presentate se non fosse per le regole che tutelano la sicurezza a livello sanitario”.

“Inoltre, si invitano fortemente tutti i bar, a chiudere dalle ore 11 per un’ora e sedersi al di fuori del proprio locale con l’hastag #unitisipuò. Come già detto, sarà una manifestazione statica, educata, pacifica nel rispetto delle persone e delle cose. Dobbiamo far vedere che siamo tanti e ci siamo tutti per fare sentire la nostra voce e per far valere i nostri diritti” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.